IL TEMPO DEI PAGLIACCI (E QUELLO DEI LADRI)

 “Caro Beppe-gufo, il tempo dei pagliacci è finito” (Matteo Renzi)

Diciamo pure che da una parte ci siano i pagliacci; dall’altra chi c’è? Quelli che rubavano prima, rubano adesso e continueranno a rubare, quelli del ‘Compagno G’ che ancora stava nel PD e delle Coop rosse; i ‘nipotini di Craxi’, che hanno imparato bene la lezione del ‘nonno’, quello che si riempiva la bocca col PSI, “Il partito dei lavoratori e delle gente onesta”, e poi s’è visto com’è andata a finire; trai ladri e i pagliacci, preferisco i secondi.

Annunci

14 responses to this post.

  1. I pagliacci sul palcoscenico nn sul palco a dare della culona al capo di un altro stato o insultare pesantemente una personalità come il futuro presidente del pe persona inattaccabile.
    No davvero. Questi pagliacci nn mi fanno ridere così come i ladri mi fanno orrore. Ne gli uni ne gli altri.
    sherazade

    Rispondi

  2. Posted by fulvio on 19 maggio 2014 at 05:20

    Spesso scrivi che sei insoddisfatto della tua vita (professionale) e allora, forse, cerchi un riscatto nella non politica,urlata e offensiva di Grillo.Con gli insulti a tutti e i vaffanculo giornalieri,non si risolvono i problemi italici.
    Ciao,fulvio

    Rispondi

  3. ah e a me non dici nulla , solo a Fulvio 😦

    sherapauraeh?

    Rispondi

    • @Shera: d’accordo che bisogna evitare ‘apprezzamenti fisici’ sulla Merkel: la signora è suscettibile, e l’ultima volta ricordiamo tutti com’è andata a finire. Schultz? Persona onesta, che però non può fare lo gnorri, facendo finta che il PSE sia appena sceso da Marte: se l’Europa è cresciuta storta, la colpa è pure loro… ma di questo parlerò nel mio post pre-elettorale… 🙂 Marcellodomandareèlecitorispondereècortesia 😀

      Rispondi

  4. Scusa Crimson, ma il riferimento a Greganti è decisamente fuori luogo e fuorviante: Greganti non aveva alcun ruolo dirigenziale nel PD, tanto per cominciare.
    Eppoi, si è iscritto per la prima volta nel 2012! Ben 5 anni dopo la nascita del Partito Democratico… immaginare e costruire supposte connivenze sulla base di questi meri dati è francamente esagerato.
    Ci sono prove di un coinvolgimento del PD? Ad oggi, nessuna.

    Rispondi

    • @Esagero? Forse… però è sintomatico il fatto che Greganti si sia potuto iscrivere al PD senza che nessuno avesse nulla da dire…. anche solo per questioni di ‘opportunità’…

      Rispondi

      • Parlare oggi, dopo le indagini, è facile.
        Ma fino a qualche giorno fa Greganti era una persona -con un passato discutibile, certo- ma senza nessun procedimento penale in corso, almeno a nostra conoscienza.
        A me pare sinceramente che non possiamo prentendere di elevare il livello di controllo preventivo sino al punto di vietare l’iscrizione ad un partito per fatti di oltre vent’anni fa.
        Ripeto: la sola iscrizione, senza alcun ruolo dirigenziale.
        Certo, se mi chiedessi se è opportuno o meno che uno come Grenganti diventi tesoriere o simile, ti direi convintamente di no!

      • Eppoi, scusami, aggiungo: che ne sappiamo se nessuno ha avuto da ridire? Magari nella federazione di Torino o dov’era iscritto si è aperto un ampio dibattito in merito… Noi questo non lo sappiamo.

      • @Red, non lo so… certo le tue obiezioni sono lecite, tuttavia mi dico: esce fuori un giro di possibili mazzette legate all’Expo, prevedibile sotto un certo punto di vista (anche se poi dovremo vedere i risultati delle inchieste), ed esce fuori non solo che in mezzo c’è qualcuno del PD, ma pure uno che non è nuovo a certe inchieste… anche a voler adottare il maggior livello di garantismo possibile, è evidente che qualcosa che non funziona c’è…

      • Crimson: io condivido il tuo ragionamento e le tue preoccupazioni.
        Come ho già scritto da me, non posso stupirmi della corruzione all’EXPO: in vent’anni non si è fatto nulla per contrastarla.

        Quello che non condivido è instarurare collegamenti dubbi, non provati e dettati solo dalle circostanze pur di screditare una forza politica.

        PS: hai sentito Grillo da Vespa? Scusa, ma l’ho trovato pessimo: nessuna preparazione sui numeri (ridicolo il “io la penso così” sulle cifre del fiscal compact), inutilmente offensivo e comiziante.

      • @Redpoz: è stato un buon ‘pareggio’: Vespa ha cominciato bene, incalzando Grillo e mettendolo in difficoltà; poi ha abbassato la guardia e non è riuscito a contenerlo, forse pensando che il modo migliore per rendere la trasmissione ‘vincente’ fosse proprio quello di lasciarlo a ruota libera. Grillo ha ‘vinto’, nel senso che – come già successo con Mentana – è riuscito a smentire l’idea imperante su stampa e media di un MoVimento 5 Stelle violento e ‘cattivo’; sui numeri posso – in parte – concordare, tuttavia tra coi numeri bisogna stare attenti, perché sapere e snocciolare dati a memoria non è per ciò stesso indizio di preparazione…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: