Posts Tagged ‘Tamè’

PLAYLIST 4.2021

Consueto riassuntino di singoli ed estratti dai dischi recensiti qui sul blog.
Preciso che non si tratta di una classifica, almeno non in senso stretto, anche se comunque i brani sono sistemati in una sorta di ‘crescendo’: il meglio alla fine…

Claudio Rigo, ‘La vita perfetta’ (Remix)
GiAga, ‘Italiano’
Dany De Santis – Emanuele Laimo, ‘Pazzo di Te’
Brugnano, ‘Draghi’
Giaco, ‘Kiki’
Estoy Pocho, ‘Otra Noche’
Kefàli, ‘Ex’
Parrelle, ‘Dolomiti’
Dylan, ‘Non me ne vanto’
Patrick De Luca, ‘In questa notte buia’
Fabio Cosimo, ‘Droghe’
Bento, ‘Forget Your Life’
No Name (feat. Salvatore Saba), ‘Fireworks’
Ruggero Ricci, ‘Bombe atomiche’
Atomi, ‘Tutte quelle cose’
Portobello, ‘Il Senso della Vita’
Pietrosauro feat. Clementino, ‘Favorita’
Gianluca Amore, ‘Senza ragione’
Luvespone – Moby Rick, ‘Odisseo’
Francesco Sisch, ‘La stessa canzone’
Noemi D’Agostino, ‘Sottovoce’
Sarai, ‘Laissez-faire’
Alis, ‘Paura di Me’
Arianna Gianfelici, ‘Tutto il nostro folle amore’
Fabrizio Festa, ‘È così che fa l’amore’
Fabe, ‘Alibi’
Blutarsky, ‘Game7’
Tamé ‘Prequel’
Costa, ‘Talischer’
Fallen, ‘Unveiling Teardrops’
Chris Yan, ‘Verstand (intelletto)’
Alberto Pizzo, Robs Pugliese, ‘Sparks’
Max Aloisi Trio, ‘Lonely Wolf’
Laino & Broken Seeds, ‘Spells & Magic’
Spaghetti Wrestlers, ‘Cobe’
Ros, ‘L’Ultima Volta’
Tuasorellaminore, ‘Fahrenheit’
Manuela Ciunna, ‘Cui te lo dissi’
Alex Savelli – Ivano Zanotti, ‘Spears’

TAMÈ, “MA TU” (PHONARCHIA DISCHI)

Disco d’esordio per questo quintetto di stanza a Torino.

Il nome del gruppo, è un espressione dialettale che significa, più o meno, ‘Toh, guarda!’, il che tradisce la volontà del gruppo di stupire, forse innanzitutto sé sressi, data la scelta di portare avanti insieme una proposta musicale diversa da quelle delle esperienze dei singoli.

Dieci tracce all’insegna di un mix tra soul, r’n’b, sonorità lounge e smooth jazz, un occhio al groove con qualche accenno funk, per un lavoro che mantiene costantemente una mood rilassato, soffuso, con momenti quasi dilatati.

Il “Ma tu” del titolo resta sospeso, come l’incipit di una domanda, forse volta a capire cosa l’interlocutore vorrebbe fare della propria vita.

Il filo conduttore dei testi è la difficoltà ad affermare sé stessi e le proprie aspirazioni, specie quando si devono fare i conti con un ambiente ‘ristretto’ come quello della provincia o inevitabilmente si entra in conflitto col prorprio mondo famigliare.

Un lavoro che si lascia ascoltare, forse un filo troppo attento a una ‘forma morbida’ e senza ‘scosse’.