Posts Tagged ‘Subsonica’

UMAAN, “UMAAN”(AUTOPRODOTTO / LIBELLULA DISCHI)

Nato dall’incontro tra Marco “Ciuski” Barberis – già collaboratore di Ustmamò e Cristina Donà tra gli altri – con Sandro Corino, Valerio Longo e Diego Mariia, già precedentemente compagni di strada nei Julierave, il progetto Umaan giunge al traguardo dell’esordio discografico.

Undici brani all’insegna di un rock di matrice elettronica, dominata dai synth, debitore esplicito della lezione dei Depeche Mode, condito con i prevedibili ‘innesti’ portati dal filone italiano del genere: si avvertono qua e là ‘spore’ dei già citati Ustmamò o i Subsonica.

Lavoro che percorre sentieri che lo portano verso territori cyber, che non disdegna di concedersi momenti più dilatati e riflessivi o, all’opposto, di strizzare l’occhio al dancefloor, con episodi quasi ‘ballabili’. Una dimensione sonora alla quale si accompagna una scrittura dai tratti cantautorali.

Nome del progetto e titolo del disco già suggeriscono l’idea attorno alla quale gira “Umaan”: al cuore c’è il contrasto tra le sonorità elettroniche, che a tratti evocano panorami quasi algidi, di fredda automazione e l’idea di un ritorno all’umano, alla ricerca della propria essenzialità, spogliata delle complicazioni, spesso artificiose – e artificiali – dei rapporti umani di inizio terzo millennio.

L’idea ricorrente, che emerge dalle righe di presentazione dei singoli brani, di trovare il modo di guardare sé stessi ‘dall’esterno’ (attraverso lo sguardo proprio o altrui) per, in qualche modo, ritrovarsi e trovare il modo di superare i propri ostacoli esistenziali o le paranoie che portano a bloccare il proprio percorso di vita; senza dimenticare il lato sentimentale della questione, visto di volta come rassicurante, ma anche come leggermente ossessivo.

La scrittura talvolta forse risulta non del tutto ‘compiuta’, come se fosse stata lasciata ‘in sospeso’ per seguire l’analoga atmosfera di sospensione dei suoni e nel procedere del lavoro si avverte un po’ di ‘stanchezza’, ma nel complesso l’esordio Umaan appare abbastanza efficace.

GOMMA, “USCIAMO! ORA!” (LIBELLULA MUSIC)

La leggerezza, i dubbi se le incertezze dei vent’anni, nel disco d’esordio di Gomma, duo di stanza a Bologna.

Disco nato dall’incontro del cantante e chitarrista Filippo Giglio col produttore Marco Bretoni (Lucio Dalla, Subsonica Angela Baraldi), che in corso d’opera coinvolge il batterista Andrea D’Aniello, che si occupa anche dei sample.

Sei pezzi all’insegna di un pop, leggero nei suoni (con qualche gradevole riferimento anni ’80), più riflessivo – ma senza esagerare – nelle parole: l’ansia di vivere veloce e cogliere l’attimo, piccole e grandi complicazioni sentimentali, le incognite di un futuro tutto da scrivere, gli interrogativi sulla strada giusta da prendere…

La strada giusta, in realtà, almeno sul fronte musicale, Giglio (autore di tutti i testi) e D’Aniello, sembrano averla intrapresa, certo con tutte le cautele del caso: sei pezzi e poco più di venti minuti forse non bastano a inquadrare compiutamente le potenzialità del gruppo.

La freschezza, il clima solare, mitigato da un retrogusto malinconico, lasciano comunque l’idea che i Gomma possano proseguire il loro cammino, avendo ancora carte da giocare.

SIMONE MI ODIA, “SATURNO” (LA FAME DISCHI / GOODFELLAS)

Infanzia, adolescenza, maturità: brandelli di pensieri, immagini provenienti da un passato più o meno lontano, i rapporti interpersonali, sentimentali e famigliari, la difficoltà dell’essere padre; il ‘particolare’ che, prevedibilmente, diventa universale; un ragno che tesse la propria tela vicino la vasca da bagno diventa il simbolo di una vita tranquilla e costruttiva, priva delle emozioni negative che tante volte caratterizzano noi ‘umani’… Alla fine, per cercare tranquillità e sicurezza non è manco necessario partire per Saturno, ma rifugiarsi in una rassicurante consuetudine domestica.

Simone Stopponi ha già una discreta carriera alle spalle, vissuta in band come Pedro Ximenex o Il Pianto di Rachel Cattiva, passata attraverso innumerevoli esibizioni dal vivo, a fianco di Capossela, Bandabardò e Subsonica tra gli altri, condita dalla partecipazione alla colonna sonora di “Venuto al mondo” di Castellitto. Simone Mi Odia è il suo primo progetto solista, e “Saturno” la prima prova sulla lunga distanza (preceduta da un Ep di tre tacce): otto brani (cui si aggiunge la cover di ‘Com’è difficile’ di Tenco) realizzato col contributo di un manipolo di compagni di strada; Simone canta, con un’attitudine disincantata, in cui si mescolano malinconia ed ironia e si occupa di chitarre e glockenspiel, per un lavoro all’insegna di un pop cantautorale che non si nega qualche momento un filo più ‘denso’.

Un disco dalle atmosfere ‘leggere’ se vogliamo, senza che questo voglia significare ‘facili’, anzi: piuttosto, la scelta di evitare di vestire di abiti troppo pesanti le considerazioni, gli spunti e le riflessioni sul sé, sul passare del tempo e sul quotidiano, che costellano il disco.

BANDA FRATELLI, “L’AMORE E’ UN FRIGO PIENO” (CONTRORECORDS /AUDIOGLOBE)

Secondo lavoro sulla lunga distanza per i cuneesi Banda Fratelli, che già col precedente lavoro avevano ottenuto una certa attenzione da parte della critica, oltre a un discreto riscontro radiofonico.

Novità da punto di vista della formazione, con l’arrivo del tastierista Enrico Gallo, ad aggiungersi al nucleo originario, guidato dal cantante e chitarrista Andrea Bertolotti (anche autore dei testi), con Matteo Bonavia al basso e Carlo Banchio alle percussioni.

La formula è quella di un rock – pop abbastanza ‘canonico’, spruzzato qua e là di funk e in qualche episodio di qualche vaga abrasione, ma sempre teso a smussare ogni angolo, affidando gran parte delle sorti del disco al lato melodico della questione, dando risalto ai testi dagli accenti cantautorali.

Gli otto brani del disco si muovono in un mondo fatto di minima quotidianità, tra personaggi che sognano di evadere definitivamente, od almeno per una volta, dal proprio grigiore esistenziale, con esiti a cavallo tra il fantastico dell’apertura, con una fuga affidata ai palloncini e il realistico di un detenuto che sogna il ritorno a casa; in mezzo, l’uscita da una quotidianità immutabile è affidata ad improbabili amori mercenari.

Non mancano le parentesi più squisitamente volte ai sentimenti, con qualche episodio dall’afflato più simbolico. Il risultato è un disco che scorre via leggero (e veloce, anche considerando il numero contenuto di pezzi)… anche troppo, verrebbe da dire: è il classico disco più o meno impeccabile sotto il profilo produttivo (del quale si è occupato Fabrizio ‘Cit’ Chiappello, già collaboratore di Baustelle e Subsonica), caratterizzato da una buona tecnica e da una discreta scrittura, con più di un brano dal discreto appeal radiofonico.

Tuttavia paradossalmente tutto sembra funzionare fin troppo ‘bene’ e concluso l’ascolto si avverte la mancanza di un’impronta stilistica – soprattutto sonora – più decisa e se vogliamo ‘individuabile’.

Chi volesse, comunque, può ascoltare il disco qui

FIORI DI CADILLAC, “CARTOLINE” (FOREARS RECORDS)

Ennesimo caso di matrimonio – riuscito – tra sonorità sintetiche ed elettricità: i partenopei Fiori di Cadillac sono all’esordio discografico ma, come dimostrano le loro biografie, sono musicisti già rodati, e “Cartoline” ne è la riprova.

Dodici tracce (incluso un breve strumentale), in cui il quintetto percorre in lungo e in largo itinerari già ampiamente battuti da altri, pur cercando una propria strada: lungo il percorso non stupisce trovare tracce del sofisticato synth-pop dei Delta V piuttosto delle contaminazioni dei conterranei Planet Funk (seppure quelli dei momenti più riflessivi) o isolati accenni all’elettro-rock dei Subsonica, sebbene con esiti meno ammiccanti.

Ampliando lo sguardo, si scorgono segni dello sperimetalismo dei Radiohead (specie in alcuni passaggi in cui la dilatazione cede improvvisamente il passo a dissonanti sfuriate elettriche) e della lezione psichedelica dei Pink Floyd; loro stessi aggiungono  al loro pantheon di riferimento i Mercury Rev.

Chitarre dalle tenui consistenze, ma pronte a rilasciare la propria indole aggressiva in parentesi urticanti e synth che disegnano tappeti sonori spesso all’insegna della rarefazione costituiscono i due pilastri sonori del disco, spesso accompagnati dalle coloriture emotive del piano, con l’occasionale inserimento di fiati, a conferire un indole vagamente obliqua in un paio di episodi.

Luigi Salvo è l’interprete vocale, con personalità (pur se per lo più in toni sfumatamente dimessi) di testi dall’atmosfera spesso onirica, tra rapporti sentimentali, disagi esistenziali, fughe immaginate, ma mai in modo troppo diretto, riccorrendo magari all’allusione, a frammenti di discorso, soliloqui, momenti ellittici.

Un disco che si fa apprezzare, mostrandoci un gruppo che, pur se all’esordio, appare avere già le idee sufficientemente chiare e sulla buona strada per inquadrare in maniera più definita il proprio stile.

CACTUS, “MAI PERSONAL MOOD” (FOREARS RECORDS)

Prima prova sulla lunga distanza per i pugliesi Cactus, nome scelto per rimarcare il proprio ‘resistere’ su un territorio musicalmente non troppo fertile. Il quintetto inanella dieci brani, all’insegna di un synth-pop dai riflessi cantautorali.

Un disco reso dinamico non solo dai battiti spesso incalzanti impostati da programmazione elettronica e synth, ma anche dalla varietà di suggestioni che si susseguono nel corso: sul disco aleggia, prevedibilmente, l’influenza dei Subsonica, ma il discorso si allarga, coinvolgendo chitarre wave, mostrando una sottile ascendenza con band come Gang of Four, o all’opposto sfiorando appena derive spaziali, oppure ancora puntando sull’intensità di certe parentesi più rilassate, dalla vena quasi trip hop, all’insegna delle varie ‘tinte’ acquisite dal ‘mood personale’ cui si riferisce il titolo.

Un lavoro che scorre via leggero e gradevole, sostenuto da una scrittura forse ancora un filo acerba, ma che sembra comunque aver imboccato la strada giusta.

Le potenzialità sembrano dunque esserci e al termine dell’ascolto si resta curiosi per gli ulteriori sviluppi…

IN COLLABORAZIONE CON LOSINGTODAY

DAVIDE FERRARIO, “F” (LIBELLULA MUSIC)

Al primo disco solista, Davide Ferrario arriva dopo aver già percorso una lunga strada, che l’ha portato a Sanremo nel 2007 con gli Fsc e a collaborare con vari ‘big’ della musica italiana, tra cui Litfiba e Gianna Nannini. L’incontro decisivo è però stato quello con Franco Battiato che, oltre ad avviare con lui una collaborazione costante, l’ha anche portato in tour, permettendogli di esibirsi col brano “Non capiranno”, qui presente.

I dodici brani che compongono “F” si muovono tra coordinate abbastanza definite: il cantautorato italiano, da un parte, un rock spesso colorato di elettronica dall’altro.

La formula ricorda, a tratti, i Subsonica, ma il paragone è puramente indicativo: Ferrario evita infatti di pigiare l’acceleratore, oltre a mostrare una vena intimista e, in un certo senso, meno ‘piaciona’, rispetto al gruppo torinese pur cedendo, in qualche episodio alle tentazioni di un synth-pop un tantino ammiccante.

A dominare sono invece toni per lo più crepuscolari, più adatti a fare da contorno sonoro a una scrittura che appare in un certo frammentaria sospesa: i brani sembrano estrapolati da brandelli di conversazioni, considerazioni tra sé e sé, appunti. Un apparente ‘disordine’ che trova la sua corrispondenza nel booklet, in cui i singoli testi sono presentati di volta in volta, come stralci di file scritti al computer, pagine di diari, lunghi sms, note prese sul primo foglio che capita, quasi a restituire l’immediatezza – e la casualità – del processo creativo.

Una scrittura che appare convincente che nel suo essere sospesa e nel suo lasciare spazio al ‘non detto’ restituisce un’impressione di immediatezza, di mancanza di ‘filtri’.

Nel complesso, è un disco che convince, pur lasciando l’impressione che la scelta della formula sonora non abbia reso sufficientemente alla componente testuale, in un certo senso depotenziadola: nel corso dell’ascolto si avverte la mancanza di una maggiore incisività, di una differenziazione che desse una veste sonora più caratterizzante ai singoli brani. Al suo esordio Davide Ferrario mostra di avere comunque tutte le carte in regola per proseguire in maniera più che positiva la propria carriera.

IN COLLABORAZIONE CON LOSINGTODAY