Posts Tagged ‘Skank Bloc Records’

I PROFESSIONISTI, “I SENSAZIONALI SUONI CISALPINI DEI PROFESSIONISTI” (SKANK BLOC RECORDS)

Di loro lasciano trapelare poco o nulla, se non nomi e cognomi: il loro disco (d’esordio, si suppone) esce per la Skank Bloc, etichetta italiana ‘emigrata’ in Svizzera. Per il resto, nient’altro, o quasi. Comunque, i tre Professionisti sfornano un lavoro che molto deve al classico canzoniere italiano, quello degli anni ’60, per intenderci: non è un caso se il lavoro si apre con un pezzo intitolato ‘Che cosa c’è’, in un omaggio esplicito a Paoli, che però nel testo trova uno svolgimento meno lineare, ai confini del flusso di coscienza, del nonsense.

Una vena che nel corso del disco si farà ricorrente, ad accompagnarci al succedersi di suggestioni sonore che vanno dal reggae a profumi di bossa fino al country, complice il frequente uso dell’armonica.

Un lavoro che ai ’60 deve anche molta della sua componente più propriamente rockeggiante, con rimandi ai climi scanzonati del beat e, a chiudere il ciclo tornando a parlare dei testi, per un certo modo di tradurre il quotidiano in toni apparentemente leggeri, con una vago tono surreale, tra un aperitivo che si riempe di pioggia, scassinatori romantici e un benzinaio blues.

L’esito è ambivalente: il gioco è gradevole, i suoni di fattura più che discreta, notevole il tentativo di dare al lavoro un certo dinamismo tentando di cambiare più volte le carte in tavola, la scrittura pur se un pò acerba, non priva d’interesse; eppure nonostante tutto questo il disco perde fin troppo presto la propria presa, privo di quel ‘quid’ che gli permetta di piantare le tende nel lettore per non uscirne più; un ‘qualcosa’ che forse potrà derivare solo dall’ulteriore maturazione di un gruppo che sembra avere discrete potenzialità da realizzare.

IN COLLABORAZIONE CON LOSINGTODAY

LUCIANO CHESSA, “PEYRANO” (SKANK BLOC RECORDS)

L’esordio del sassarese Luciano Chessa, “Humus” risale ormai al lontano 1996; da allora tanta strada compiuta, dal trasferimento negli U.S.A. fino ai palchi calcati col suo intonarumori, in accompagnamento a musicisti come Mike Patton e Lee Ranaldo, portando avanti allo stesso tempo le attività di compositore e musicologo. In tutto questo, Chessa si lascia alle spalle un secondo disco, praticamente pronto, ma mai realizzato. A ripescarlo dal passato ci ha pensato la Skanc Bloc Records, etichetta italiana con sede a Zurigo.

A chi lo conosce, quindi, i ventuno brani di Peyrano offriranno un ‘ritratto dell’artista da giovane’, magari mostrando ‘in nuce’ ciò che poi Chessa avrebbe sviluppato in seguito; per tutti coloro che invece non sapevano chi fosse, questo è un ottimo esempio per scoprirlo, a quindici anni di distanza.

Brani – e qualche composizione strumentale – tutti più o meno di breve durata (raramente si superato i tre minuti), che ondeggiando tra un folk obliquo e cantautorato spesso intriso di toni surreali, nel quale trovano spazio la ripresa di un Dalla – periodo Roversi (Ulisse cosparso di sale) e un testo di Carducci.

Ensemble musicale scarno, spesso limitato alle sole chitarre e voce, talvolta accompagnate da qualche ospite (sezione ritmica, tromba) con risultati che a tratti sfiorano l’indie-rock e una scrittura che per i suoi tratti onirici finisce per rimandare alla felice stagione del prog e dell’avanguardia italiana (si potrebbe citare, ma a puro scopo indicativo, il Battiato degli inizi).

Quindici anni fa, Luciano Chessa assemblava un disco originale e nonostante il passare degli anni, ancora oggi capace di incuriosire.

IN COLLABORAZIONE CON LOSINGTODAY