Posts Tagged ‘jungle’

AFRICA UNITE, “IL PUNTO DI PARTENZA” (AUTOPRODOTTO)

Intitolare un disco “Il punto di partenza” quando si è in circolazione da trent’anni e passa.

Pensi agli Africa Unite e in effetti ti rendi conto del tempo da cui sono in circolazione.

Pensi agli Africa Unite e, anche se il reggae non è mai stato la tua ‘passione’, anche se non sei mai stato ad un loro concerto, alla fine volente o nolente li hai incrociati, più di una volta, magari ascoltandoli per radio e fermandoti lì, perché insomma, gli Africa Unite ‘ci sanno fare’ – non sarebbero durati così tanto, altrimenti – e in fondo la loro musica al di là dei gusti di ognuno finisce per coinvolgere… Per dirne una, quando ho scritto questo post, qualche giorno fa,  a Roma era una giornata più che mai uggiosa, fuori diluviava e (anche forse un po’ banalmente, ammetto), il ritmo rilassato e le sonorità solari degli Africa ci stanno bene…

Quando gli AfricaUnite sono nati, andava di moda il post – punk… i loro primi dieci anni li hanno compiuti quando si girava in camice a quadrettoni e si ascoltavano i Nirvana… e il discorso potrebbe continuare… mentre si sono succeduti svariati revival punk, il trip – hop, la jungle e l’elettronica ‘sparata’, e il brit pop, gli Africa Unite stavano sempre lì, decisamente non sotto ai riflettori, eppure vivi e con un loro seguito, il classico ‘zoccolo duro’…

Viene da pensare come alla luce di tutto questo, gli Africa Unite siano quasi un caso isolato negli ultimi trent’anni di storia della musica italiana: sempre lì, a sfornare nuovi dischi, ‘fedeli alla linea’ si potrebbe dire citando i quasi coetanei (ma molto, molto, molto meno longevi CCCP), all’insegna di un’attitudine e di una coerenza non certo frequenti…

Anno Domini 2015, e gli Africa Unite sono ancora qui, a sfornare un nuovo disco… prodotto e ‘pubblicato’ all’insegna di quell’attitudine ‘do it youtself’ molto diffusa proprio agli inizi degli anni ’80, quando magari la musica girava su cassettine ‘artigianali’ duplicate… oggi, la tecnologia a trasformato tutto quello in un semplice ‘clic’: “Il punto di partenza” lo potete scaricare gratis e senza limiti, sul sito della band, che ha scelto di puntare tutto sulle esibizioni live: un disco lo si può pure scaricare, ma il ‘live’ è un esperienza unica, ogni volta nuova, irripetibile.

“Il punto di partenza” è un disco in cui spesso e volentieri il reggae filtra con l’elettronica, con episodi dalle suggestioni dub e parentesi dall’appeal industriale, quasi cyber…

Un lavoro impreziosito dalle collaborazioni con Raphael e More No Limiz, ma soprattutto quella con gli Architorti, che dà vita ad un paio di pezzi in cui il reggae si contamina – efficacemente – con la musica classica .

Bunna, Madaski, Ru Catani, ‘Benz’ Gentile, Alex Soresini, ‘Piri’ Colosimo, Paolo Parpaglione e Mr.T Bone danno vita ad undici brani in cui si rivendica la propria attitudine, dichiarazioni d’amore per il reggae e la lingua italiana, frecciate contro l’ossessione per la notorietà ai tempi dei social network… con episodi – ‘Il volo’, ‘La Teoria’ – in cui il reggae si sposa con la migliore tradizione italiana del cantautorato pop più elegante, e ti viene da pensare che in un mondo alternativo sarebbero entrati direttamente nelle heavy rotation di ogni radio…

Ascoltando “Il punto di partenza” si ha più che mai l’impressione che gli Africa Unite siano entrati di diritto nel ‘patrimonio artistico’ della canzone italiana: non uno di quei monumenti che tutti vanno a visitare, magari uno di quei ‘borghi’ poco conosciuti che si ‘aprono’ solo ai più curiosi e a coloro che magari hanno la curiosità di deviare dagli itinerari più battuti…

GODBLESSCOMPUTERS, “VELENO” (FRESH YO! LABEL / WHITE FOREST)

Godblesscomputers, alias Lorenzo Nada: italiano di stanza a Bologna, e trapiantato a Berlino, dove ha avviato la propria carriera artistica, che nel 2012 ha cominciato a dare i primi frutti discografici; tra le sue influenze, Nada cita i ‘classici’ del genere: le produzioni di Warp o Ninja Tune, la musica nera, tra funk, soul e jazz, l’hip hop.

“Veleno”, dunque: velenoso è, in questo caso, il territorio immaginario in cui l’autore si muove, alla ricerca di una sorta di purificazione dai ‘miasmi’ della vita quotidiana.

Uno spunto ideale che trova forma sonora in sette composizioni, in cui predominano climi rarefatti, atmosfere calme e rarefatte, con una vaga indolenza da foresta pluviale… ritmi compassati, con qualche accenno jungle, i campionamentii vocali femminili e molto ‘black’ a dare quel tanto di fascino, di vago ammiccamento; all’opposto, suggestioni orientali, suoni e voci di strada provenienti dall’India e dalla Mongolia, conferiscono al lavoro una sorta di afflato spirituale, la meta conclusiva del viaggio disegnato nel disco.

Un lavoro in cui dominano toni soffusi, luci in penombra pronte a fare spazio a improvvisi lampi di sole, come appunto succede nelle foreste, con un sapore vagamente retrò (vengono in mente certe sonorità che nell’Inghilterra degli anni ’90 aprirono nuove strade all’elettronica), con qualche spunto più ‘complicato’, vaghi accenni a più recenti sperimentazioni.

Spesso ipnotico, a tratti sfuggente, “Veleno” è comunque un lavoro che cerca di coinvolgere l’ascoltatore, con pezzi cercano sempre un buona conciliazione tra un ascolto agevole e la fedeltà ad uno stile che non scade mai nello sfacciato ammiccamento.