Posts Tagged ‘Ex Moglie’

I DISCHI DEL 2020

Classifica dei migliori dischi dell’anno tra quelli recensiti sul blog.

  1. LALLA BERTOLINI, “LO STRANIERO”
  2. PANAEMILIANA, OMONIMO
  3. ELEPHANT BRAIN, “NIENTE DI SPECIALE”
  4. THE INCREDULOUS EYES, “MAD JOURNEY”
  5. SIMONA ARMENISE – ARES TAVOLAZZI, “LOTUS SEDIMENTATIONS”
  6. EMANUELE VIA & CHARLIE T., “RESINA”
  7. MEGANOIDI, “ MESCLA”
  8. ROSSELLA SENO, “PURA COME UNA BESTEMMIA”
  9. GIOSTRE, “GETTONI”
  10. UHURU REPUBLIC, “WELCOME TO UHURU REPUBLIC”
  11. UMBERTO T. , “NON CREDO BASTERÀ” EP
  12. THE FENCE “EVERYDAY”
  13. MEVSMYSELF “MITCLAN”
  14. EMILIANO MAZZONI, OMONIMO
  15. GAPPA, “PASSEGGERI”
  16. ROSGOS, “LOST IN THE DESERT”
  17. INNOCENTE, “#IOSONO”
  18. FALLEN, “OF MEMORIES AND HOPES”
  19. FALLEN, “THE WORLD OUTSIDE”
  20. EX MOGLIE, “SPREMUTA DI FEDI NUZIALI PINK EDITION”

PLAYLIST 2.20

Periodica selezione di brani tratti ai dischi recensiti sul blog.

Confusione, Krikka Reggae

Come No, Hype Zulu

Passi, Tarsia

Love Remains, Vasco Barbieri

Day III – The Man I Am, Fallen

Standing in the light , RosGos

Vento di tempesta, Alessandra Giubilato

Equatore, Luca Guidi

Postventenni, Lara

Chissà, The Spell Of Ducks

Tredici , Panaemiliana

Figli , Umberto T.

La mia posa, Libet

Terza Moglie, Ex Moglie

Latte color plastica, The Unikorni

Ginepro, Emanuele Via & Charlie T

Vision of Halet, The Incredulous Eyes

Lo straniero, Lalla Bertolini

EX MOGLIE, “SPREMUTA DI FEDI NUZIALI PINK EDITION” EP (AUTOPRODOTTO / LIBELLULA MUSIC)

Esordio di questo trio milanese, le cui vicissitudini assomigliano quasi a una serie tv, in cui i tre protagonisti s’incontrano perché a vario titolo legati a una fantomatica quarta persona, che diventa quasi l’artefice involontaria del progetto.

In copertina la radiografia di una mano maschile con l’anulare spezzato, la fede ancora al dito: immagine che assieme al nome della band evoca certo un percorso di emancipazione e liberazione femminile, magari da una realtà opprimente e pure pericolosa, ma che nei cinque brani presenti appare sublimarsi in temi universali, umani, più che maschili e femminili: la ricerca della propria ‘originalità’ al di là delle apparenze soprattutto, di una compiutezza che a volte si riesce a raggiungere dopo percorsi accidentati e anche eventi più o meno traumatici.

Il tema sentimentale non manca, e c’è spazio per l’ambiente, con una critica alla poca ricerca di reale consapevolezza.

Elettronica con ascendenze new wave, qualche deriva psichedelica, un doppio cantato in cui alla profondità dai toni ‘gotici’ della componente maschile si affianca e contrappone la forza soul di quello femminile.

Un progetto che vuole essere multidisciplinare, puntando anche sulla componente visuale, che in quella sonora appare essere promettente.