Posts Tagged ‘elettropop’

CUBE, “CUBE” (SEAHORSE RECORDINGS)

Disco d’esordio per i catanesi Cube, nati dalla precedente esperienza degli Stereonoises: sostanzialmente un duo, formato da Andrea Di Biasi, autore di testi e musiche, nonché voce del gruppo, e Antonio Gangemi; il primo, artefice della consistente componente elettronica, il secondo a occuparsi di batterie e percussioni; con loro, un manipolo di musicisti ‘ospiti’, chiamati a curare chitarre e bassi.

Un disco gradevole, pur nel suo evidente ripercorrere strade ampiamente battute: dall’elettropop degli anni ’80, al matrimonio – celebrato soprattutto in quel di Manchester – tra rock e dance, con qualche accenno di psichedelia.

Efficace la scelta di giostrare tra italiano e inglese, con una scrittura per lo più volta all’introspezione e ai rapporti sentimentali; mood per lo più malinconico, senza esagerazioni e comunque accompagnato da una certa vivacità nei suoni.

Un disco che si lascia ascoltare, pur con qualche incertezza, forse ancora troppo vincolato alle band di riferimento, ma che comunque presenta un gruppo con delle potenzialità.

Annunci

ELLA, “DENTRO” (AUTOPRODOTTO / LIBELLULA DISCHI)

Un disco senza filtri: mettersi completamente in gioco, rivelare sé stessa, dare voce a emozioni forse a lungo taciute come forse non si è potuto o voluto fare con le sole parole. L’esordio sulla lunga distanza di Ella, all’anagrafe Eleonora Cappellutti, torinese, alcune esperienze pregresse e un EP alle spalle, è un disco di una ‘nudità’ disarmante, intesa come privazione di scudi, difese, il dare voce a ciò che si ha ‘dentro’, appunto, senza remore.

Dieci tracce che nascono cicatrici lasciate da vicende sentimentali sofferte: la nostalgia, le recriminazioni, i sogni di un finale diverso, la tenerezza. C’è, ad esempio, verso di ‘Grattacielo’ che cita: “Io non volevo a fare a meno di farmidelmale / Io non potevo fare a meno di farti del male”: il nocciolo di una relazione complicata e per certi versi (auto)distruttiva.

Suoni liquidi, l’elettronica che prende gran parte dello spazio, l’elettricità che si fa sentire quasi con discrezione, il pianoforte a farsi spesso largo, con decisione, qua e là si avverte più di un’ascendenza trip-hop; parentesi da elettropop anni ’80; si segnala una cover, dai riflessi onirico – industriali, di Cuore Matto di Little Tony, scelta come singolo a apripista… anche se forse sarebbe stato più meritevole uno dei brani originali, a cominciare proprio da ‘Grattacielo’.

In tutti i casi, “Dentro” resta: col suo carico di emozioni e sensazioni, talmente legate a un vissuto ‘personale’, che alla fine si ha quasi pudore a parlarne troppo, preferendo invitare all’ascolto e nulla più.

PHOENIX CAN DIE, “AMEN” (BLACK FADING RECORDS / AUDIOGLOBE)

Nati dalla ceneri (e in questo caso il concetto è più che mai adatto, parlando di fenici) dei Rock Destroy Legends, i Phoenix Can Die sono la nuova creatura di Mirco Campioni e Riccardo Franceschini, artisti di stanza a Bologna, noti anche per la loro attività nel mondo tatuaggi.

“Amen” segna una decisa mutazione nelle scelte sonore del duo: dall’alternative rock della precedente esperienza, ci si tuffa nel mare dell’elettronica, dei suoni da club. Nove brani, tra pezzi cantati ed episodi interamente strumentali, in cui i due cercano di tenere la barra dritta, avendo ben presenti i propri punti di riferimento, cercando allo stesso tempo una propria impronta stilistica; ad aiutarli in fase di produzione, Cristiano Santini, già voce dei Disciplinatha e collaboratore di CCCP, CSI e Battiato.

Vengono ovviamente in mente i ‘mostri’ sacri del passato: remoto (Kraftwerk) e più recente (Underwold), tra episodi più tirati e prettamente ‘danzerecci’ e parentesi – a cominciare da Control, primo singolo con tanto di video di accompagnamento – che strizzano l’occhio alla filone dell’elettropop; il tutto arricchito da qualche ‘scoria industriale’. I frequentatori più assidui del genere inquadreranno sicuramente meglio i punti di riferimento ideali del duo, in un lavoro che per i due ha i caratteri dei primi passi in territori finora poco battuti.

L’esito comunque non dispiace, per quanto molti dei pezzi siano più adatti ad un contesto ‘da dancefloor’ più che a un ascolto ‘immobile’ ; un primo disco coi pregi e i difetti tipici di quello che è, considerando il cambio radicale di genere, può essere considerato a tutti gli effetti un esordio: appuntamento a un possibile secondo capitolo per capire se il percorso intrapreso è quello giusto.

CECCO E CIPO, “LO GNOMO E LO GNU” (LABELLA / AUDIOGLOBE)

Con un nome da duo comico e un titolo che sembra quello di una favola surreale, Cecco e Cipo, alias Simone Ceccanti e Stefano Cipollini, sono probabilmente i primi a non prendersi sul serio… del resto, il loro esordio era intitolato “Roba da maiali”, fate voi…

Eppure, avviato il lettore, si scopre come spesso e volentieri il non prendersi troppo sul serio sia il primo passo verso il raggiungimento dell’obbiettivo: gli undici pezzi che compongono il disco sono un ottimo esempio di pop cantautorale, leggero, scanzonato, disincantato; spesso sul limite del nonsense, all’insegna di una tinta vagamente surreale, continuamente all’insegna di un susseguirsi di pensieri, di riflessioni sparse.

Dediche sentimentali, uno sguardo sulla realtà ironico e disincantato che non si esprime però mai direttamente, utilizzando ad esempio domande che restano sospese nell’aria; un ricorrere spesso ai ricordi d’infanzia, che si tratti degli album di figurine,  o delle celebri caramelle zigulì…

Ritmi da filastrocca o cantilena infantile, accenni funk, parentesi elettropop, momenti country in un disco dominato da voce e chitarra acustica, cui si aggiungono di volta in volta piano e synth, archi, fiati, ad opera dei collaboratori stabili dei due o dei numerosi ospiti presenti, trai quali Lodo Guenzi de Lo Stato sociale.

Un disco fresco e dolcemente malinconico, come certi pomeriggi d’estate.

 

ROULETTE C(H)INESE, “CHINESE POP” (FRIDGE / GOODFELLAS)

Tornano Joe Raggi e Matteo Robutti, alias Roulette C(h)inese, che confezionano dodici pezzi, anche grazie all’aiuto di un nutrito numero di ospiti, come si conviene a quello che viene esplicitamente definito come un ‘progetto musicale aperto’

A circa quattro di distanza dal precedente “Ibrido Meccanico”, il duo proveniente dal piemonte ripresenta la propria miscela di pop elettronico che, ovviamente, porta con se l’eredità di un ‘genere’ che ormai può contare su una trentina e più anni di storia; quasi scontato citare gruppi e punti di riferimento: la lista è lunga e tutto sommato prevedibile.

‘Pop cinese’ dunque; titolo ammiccante quanto in parte fuorviante: in effetti Roulette C(H)inese non disdegna certo brani ammiccanti, anche con qualche lieve accenno danzereccio, mostrando tuttavia di trovarsi a suo agio con atmosfere molto meno ‘concilianti’, crepuscolari, vagamente oniriche, sul filo di ‘battiti regolari’ che qua e là portano con se qualche ‘scoria idustriale’.

Vagamente inquietanti, si potrebbe dire: del resto, anche la dimensione testuale dei pezzi (cantati con poche eccezioni, in italiano) non è delle più rassicuranti, muovendosi talvolta sul filo del flusso di coscienza, o all’opposto concentrandosi sull’osservazione della realtà, tra figure sull’orlo dell’alienazione e rapporti ‘virtuali’.

Un lavoro nel quale il duo trova il modo di dare sfogo anche alla propria vena più sperimentale, come nella plurilingue Dies Irae, o in Sventrato, che sembra quasi uscire da un repertorio da melodramma di inizio ‘900.

I Roulette C(H)inese presentano insomma un disco convincente, anche se con qualche passaggio a vuoto, qualche pezzo meno riuscito, bilanciati però da parentesi con maggiore appeal, anche radiofonico.

IN COLLABORAZIONE CON LOSINGTODAY

BONAHEAD, “COLOURS DOORS PLANET” (AUTOPRODOTTO)

Primo disco solista per Roberto Bonazzoli che, già cantante e tastierista con gli SHV, in “Colours”, sembra abbandonare almeno in parte i riferimenti brit pop della band di appartenenza per abbracciare territori maggiormente improntanti all’elettronica.

Nelle dieci tracce che compongono questo concept articolato in tre parti (le rispettive ‘porte’ n°1, 2 e 3), il cantautore lombardo si muove su territori che rievocano vagamente gli scenari synth – pop ‘alla francese’ degli AIR, con qualche ombra dei Porcupine Tree degli episodi meno orientati alle derive psichedeliche, con una spruzzata di elettronica ‘crucca’ e di qualche spezia elettropop (vaghe riminiscenze degli Ultravox).

L’esito è un disco che, pur sostanzialmente privo di ‘voli pindarici’ (ma che allo stesso tempo ha uno dei suoi punti a favore nella mancanza di veri e propri passaggi a vuoto), si lascia ascoltare, sospeso sempre tra umori compassati, spesso sottilmente malinconici. Una prima prova sicuramente soddisfacente.

IN COLLABORAZIONE CON LOSINGTODAY