Posts Tagged ‘Devocka’

LA TOP 20 DEL 2012

1. Honeybird And The Birdies, “You shoud reproduce”
2. Redrick Sultan, “Trolling for answers”
3. Il Maniscalco Maldestro, “Ogni cosa al suo posto”
4. AU, “Both Lights”
5. Niccolò Carnesi, “Gli eroi non escono il sabato”
6. Jesus H. Foxx, “Endless Knocking”
7. The Leg, “An eagle to Saturn”
8. Ember Schrag, “The sewing room”
9. Gianluca De Rubertis, “Autoritratti con oggetti”
10. Confusional Quartet, omonimo
11. Nicolas J. Roncea, “Old toys”
12. Notic Nastic, “Full screen”
13. Human Tanga, “Pornografia apocalittica”
14. Kardia, “No”
15. Devocka, “La morte del sole”
16. Buildings, “Melt cry sleep”
17. Atterraggio Alieno, “Il disgelo”
18. Werner “Oil tries to be water”
19. FEV, “Nebbia bassa”
20. Bianco, “Storia del futuro”

LA PLAYLIST DI OTTOBRE E NOVEMBRE

Skyfall      Adele

Suicidio a sorpresa                     Elio E Le Storie Tese

Akira – Kaneda’s Them               Geinoh Yamashirogumi

Cowboy Bebop – Tank                Yoko Kanno

Trigun – Opening Theme            Tsuneo Imahori

Qui fa sempre buio presto    Invers

Voragini                                       Strip in midi side

L’errore                                        Roulette C(H)inese

Run                                                Francis M. Gri

Orwell                                          The Star Pillow

A minimal anthem                 Boxeur The Coeur

Get away                                     High Frequency

Proprio strani                           Dainocova

You Beggar                                           Post

Carne                                                       Devocka

Houston                                                  Ember Schrag

La strada tra le terra e il sole         Bianco

Inception – Dream is collapsing     Hans Zimmer

DEVOCKA, “LA MORTE DEL SOLE” (I DISCHI DEL MINOLLO)

I ferraresi Devocka, forti del discreto riscontro ottenuto coi primi due lavori, tornano con questo terzo full length, a tre anni di distanza dal precedente “Perché sorridere?”.

Formazione invariata; meno la proposta musicale, che lascia almeno in parte le marcatamente  noise percorse nei primi due dischi, salpando verso territori post-punk / new wave.

Intendiamoci, il gruppo non ha perso un grammo della propria spinta, nè della capacità di sviluppare un’adeguata mole sonora, che però negli undici brani che vanno a comporre “La morte del sole” viene messa al servizio di urticanti sferragliamenti che sembrano usciti direttamente da metà anni ’80.

Saturazioni sonore che costituiscono l’efficace accompagnamento a testi, programmaticamente annunciati dall’apertura di Morte annunciata dell’io ed emblematicamente conclusi da Ultimo istante, in cui tematiche abbastanza consuete, come il rapportarsi con situazioni o rapporti di coppia o la semplice osservazione della realtà circostante, assumono contorni da incubo, distorti attraverso la lente di una follia forse fin troppo lucida. Un insieme completato dalla prestazione canora, all’insegna di una vocalità spesso rabbiosa, scaraventata senza tanti complimenti nei timpani dell’ascoltatore.

un disco compatto (quaranta minuti circa la durata), che poco spazio concede alla calma e che, pur non dimenticando la componente melodica, riserva una generosa dose di potenza sonora, in quella che appare un’ulteriore prova della raggiunta maturità della band.

 LOSINGTODAY