Posts Tagged ‘Carlo Verdone’

RICHARD BENSON (1955 – 2022)

Tutti, più o meno, abbiamo una sorta di ‘pantheon’, costruito tra l’adolescenza e i vent’anni, fatto di volti e parole: personaggi che tornano poi ogni tanto per gli anni e i decenni a seguire nelle battute, nei ricordi, nelle imitazioni.

Chi è stato giovane e giovanissimo a Roma negli anni ’90, soprattutto chi ascoltava metal, prima o poi si sarebbe imbattuto, sulla rete locale TVA 40, in “Ottava Nota”, trasmissione di novità discografiche condotta da un singolare personaggio il quale, come si dice ‘non la mandava a dire’, demolendo – talvolta letteralmente – il disco di turno, elevando, all’opposto, il tal chitarrista al rango di ‘mostro’, addentrandosi in interminabili disquisizioni su formazioni, biogafie, etc…

Già all’epoca il personaggio non era del tutto sconosciuto: qualcuno ne poteva ricordare gli sparuti trascorsi come musicista o le apparizioni nei programmi di Arbore; Verdone, che è un formidabile osservatore, capì prima di tanti le potenzialità del personaggio e lo portò sul set di “Maledetto il giorno che t’ho incontrato”.

Con Richard Benson, insomma, siamo cresciuti, anche assistendo, purtroppo, a un declino passato attraverso un grave incidente dai contorni mai chiariti, spettacoli dal vivo in cui il nostro si prestava al ludibrio generale, apparizioni televisive volte solo ad esaltarne gli aspetti più oltre le righe, fino alle tristi comparsate in un noto programma del pomeriggio.

Dispiace perché sembrava che negli ultimi tempi Richard Benson stesse tornando un po’ alle origini: l’aspetto sembrava migliorato, c’era, sembra, finalmente un disco ‘serio’ in fase di progettazione.

Avrebbe meritato altro percorso: non so quanto scientemente l’abbia voluto lui e quanto, purtroppo, il ‘sistema’ abbia cercato solo le urla, senza andare oltre: la cultura musicale era indiscutibile, ma il metal, il progressive e in generale la musica pop – rock suonata da chi sa suonare raramente viene considerata.

Resta quel filo di amarezza e tristezza per un pezzetto dei propri vent’anni che se n’è andato.

LA GRANDE BELLEZZA

Dopo aver raggiunto il successo grazie all’unico libro pubblicato, quarant’anni fa, Jep Gambardella ha vissuto di rendita, sbarcando il lunario con qualche collaborazione giornalistica e decidendo di buttare alle ortiche il talento per diventare invece uno dei protagonisti della ‘movida intellettuale’ romana, quella delle chiassose feste nelle terrazze o delle vuote chiacchiere nei salotti, fatta da gente più o meno priva di qualsiasi capacità… A 65 anni, Gambardella dovrà fare i conti con il tempo che passa, la morte che colpisce anche persone molto più giovani di lui, la vuotezza del mondo di cui ha scelto di essere un protagonista, la necessità, forse, di tornare a coltivare il suo talento.

Non è un film ‘facile’, “La Grande Bellezza”; al contrario, è un film ‘impegnativo’: per la lunghezza (quasi due ore e mezza), il ritmo spezzettato che alterna momenti di accelerazione a fin troppe parentesi di lentezza, per il filo narrativo esile, che collega quella che alla fine si rivela essere una serie di sequenze, aneddoti, microstorie…

Roma è bellissima ( qui mostrata nei panorami più noti e in scorci sconosciuti anche chi la abita) ma questo si sapeva e comunque questo non è un documentario; la gente che la abita spesso è bruttissima: è brutta le gente che abita nelle periferie degradate, perché i luoghi brutti rendono la gente brutta; è brutta spesso anche la gente che abita nel centro storico, dove purtroppo sempre più spesso si accede solo in forza del denaro… ma nemmeno questo ce lo doveva dire Sorrentino, in fondo bastano i ‘fotoservizi’ di Umberto Pizzi o degli altri ‘paparazzi’ che inseguono il ‘bel mondo’… La sterminata galleria di personaggi che ci presenta il regista non appare in fondo nulla di nuovo… anzi viene da dire che il gossip editoriale e quello televisivo spesso e volentieri superano di gran lunga la ‘realtà’ fotografata dal regista.

In un film in cui Sorrentino sembra veramente troppo interessato a far vedere quant’è bravo, in cui il ‘non detto’, l’ellissi, si trasforma spesso in sterile ‘tempo morto’, si fanno ricordare soprattutto i momenti, le situazioni, i personaggi che strappano la risata, assieme ad alcune battute fulminanti: una delle prime, “Proust è il mio autore preferito… anche Ammaniti” fotografa alla perfezione il ‘livello’ culturale di determinati ambienti (e non mancano critiche allo spiritualismo new age, alle performance di arte contemporanea, al clero che vabbè, se parli di Roma prima o poi ci finisci a sbattere contro)… ma tutto questo tuttavia non riesce a ‘salvare’ un film per il quale sono stati evocati paragoni incongrui: piuttosto che “La dolce vita”, “La grande bellezza” ricorda, alla lontana,  “La terrazza di Scola”.

Un film che tra l’altro vissuto sulla personaggio accentratore del protagonista che trova un contraltare nella prestazione accentratrice di un Toni Servillo lasciato fin troppo libero di dare libero sfogo alla propria vérve, col risultato di finire per gigioneggiare davanti alla macchina da presa; lo circonda una messe sterminata di personaggi in piccoli ruoli (c’è perfino un Venditti nel ruolo di sé stesso), trai quali si ritagliano maggiore spazio Carlo Verdone che però, dopo decenni che si dirige da solo viene da dire che il danno è fatto e più di tanto non ci si può aspettare,  e soprattutto una Sabrina Ferilli in un ruolo che si farà ricordare, che in Sorrentino sembra aver trovato un altro regista, oltre a Virzì, capace di tirare fuori il meglio di lei, nel contrasto tra ‘rigogliosità’ esteriore e dramma interiore.

Alla fine, insomma, “La grande bellezza” – e il titolo in fondo è un onesto ‘manifesto programmatico – è un film incentrato sull’estetica, su una ricerca di perfezione stilistica e formale che però alla fine diviene fredda, quasi manieristica: un film sopravvalutato fin dalle prime indiscrezioni, già capolavoro prima della fine delle riprese, del quale si è dovuto parlare bene per forza, a prescindere… se non altro, le riprese della città potrebbero essere utilizzate per un bello spot turistico della ‘città eterna’…