Posts Tagged ‘Caboose’

PLAYLIST 2 / 2019

Periodica selezione di brani tratti ai dischi recensiti sul blog.

La Sanha    Gran Bal Dub

Nei posti che non sai    Malvax

Tutto il bello che c’è    Cecco e Cipo

Wandering spirits looking to rest    Fallen

Airport    Daniele Bogon

Landslide    Caboose

Angry Marella    Motta

Tempo    Alessandra Fontana

CABOOSE, “HINTERLAND BLUES” (NEW MODEL LABEL)

Esordio sulla lunga distanza (dopo un precedente EP) per gli italo-berlinesi Caboose.

Il titolo dice tutto, o almeno gran parte: il blues al centro, con la sua varietà di umori, ruotati attorno certo a quella tipica malinconia ricorrente, ma sviluppati di volta in volta in modo dolente, o più energico, col passo pesante e il fiato corto con cui si procede nei terreni paludosi o il ritmo incalzante di un treno in corsa.

Non sono più i tempi degli schiavi nelle piantagioni, ma sono tempi di diverse schiavitù e costrizioni, non fisiche (almeno non nel senso originario), ma spesso sociali, a volte ‘morali’; alla tirannia dei campi si sostituisce quella della disoccupazione che costringe spesso le persone a partire; a pratiche di sfruttamento se ne sostituiscono altre, i guadagni volti alla soddisfazione di bisogni ‘indotti’, l’onnipresenza dei social fa sentire fuori posto chi appartiene ad un’altra epoca…

La fuga, allora: reale o solo immaginata, temporanea o senza ritorno (fino all’autodistruzione), forse e soprattutto per conoscere meglio sé stessi…

I Caboose esprimono tutto questo con un disco che, pur fermamente radicato nei suoni di riferimento, cerca continuamente delle variazioni, tra ballate oscure, parentesi country, episodi più ‘virulenti’, l’armonica spesso e volentieri a prendersi la scena, lasciando alle chitarre il compito di dare corpo e solidità.

Non solo per gli amanti del genere.