Archive for gennaio 2016

DIRITTI, FIGLI, ADOZIONI E QUANT’ALTRO

Se non ci fossero di mezzo i diritti e la vita delle persone, ci sarebbe da sottolineare come tutta ‘sta storia della legge sulle coppie di fatto e sulla loro figliolanza abbia ormai sfondato i confini del ridicolo.

L’Italia è l’Italia: una Nazione in cui da svariati decenni (secoli?) vige la legge del ‘si fa ma non si dice’, dei vizi privati e delle pubbliche virtù… se ci pensiamo, in fondo qualche secolo fa i Papi non si facevano tanti problemi a fornicare e sfornare marmocchi, tanto poi quello che contava era ‘l’ufficialità’… In fondo tutto il problema dei diritti affonda le proprie radici nella Riforma e nella Controriforma: chiedetevi perché oggi le Nazioni più progredite sotto il profilo dei diritti sono proprio quelle dove nacquero e si diffusero Protestantesimo e annessi, e perché invece nelle Nazioni a maggioranza cattolica non si riescono a fare passi in avanti…

Storia a parte, il lato ridicolo di tutta questa faccenda è che anche l’introduzione della legge più largheggiante e permissiva di questo mondo, non cambierà di una virgola i ‘massimi sistemi’: diciamocela tutta, il punto è proprio questo, stiamo parlando di norme che riguardano una minoranza di persone, la cui introduzione di certo non sancirà la fine del genere umano…
Quello che dico io è: diamo a queste persone tutti i diritti che chiedono e poi continuiamo a campare tutti quanti serenamente.
Sono ormai decenni che si parla di queste cose e ogni volta qualcuno trova il pretesto per buttare tutto all’aria e far si che tutto resti com’è: a questo giro, ‘l’incaglio’ è quello dell’adozione dei figli dei conviventi, che secondo alcuni aprirebbe la porta all’utero in affitto… e allora, dico io?

Il problema dell’utero in affitto non è nella pratica in sé: secondo me ognuno dovrebbe essere libero di fare del suo corpo il ca**o che gli pare; il punto è se questo sia frutto di una libera scelta o di una costrizione sociale: il problema non è l’utero in affitto in sé, ma le possibili condizioni di povertà ed emarginazione che conducono alla scelta; il modo migliore di combattere il fenomeno è combattere la povertà.

La lotta contro i metodi diciamo ‘alternativi’ di procreazione è un’emerita scempiaggine: nel momento in cui la scienza fa delle scoperte e in forza di queste escogita delle invenzioni, la questione è chiusa: si potrà berciare quanto si vuole… Se dipendesse da tutti coloro che oggi sbraitano contro certe metodiche, oggi staremmo ancora col fuoco acceso nella caverna.

Siamo di fronte a norme che riguardano un numero esiguo di persone: anche se si introducesse una legge che permettesse alle coppie omosessuali di adottare dei figli o ricorrere alle pratiche di procreazione assistita per averne, non assisteremmo certo al crollo della società… la stragrande maggioranza delle persone continuerà a procreare col ‘metodo tradizionale’.

Il nodo vero è, certo, la tutela dei minori, ma i minori vanno tutelati a prescidere: la paura che l’introduzione di certe leggi porti alla riduzione dei bambini allo status di oggetti;  che, per dirla esplicitamente, avere un figlio diventi un capriccio, ha una sua motivazione e un suo radicamento; però allora il discorso diventa complessivo e riguarda tutti i tipi di coppie e si estende anche alla famiglia ‘tradizionale’, come tra l’altro la cronaca nera insegna; la possibilità ‘tecnica’ di procreare ha bel poco a che fare con la crescita e l’educazione dei figli. Il problema non è tanto quello di avere o no la possibilità di procreare, il problema è quello di avere la capacità di crescere un figlio: di fronte a certi ‘fattacci’, io dico spesso che non tutti possono permettersi di avere dei figli, che – paradossalmente – bisognerebbe prima superare un esame; insomma, ci sono persone che procreano essendo del tutto inadatti alla paternità / maternità e ci sono persone che per vari motivi non possono avere figli che invece sarebbero degli ottimi genitori ed educatori.

Io capirei anche certe posizioni, se fossero sincere: ma mi chiedo quanti di coloro che in Parlamento stanno conducendo certe ‘battaglie’, lo facciano per reale convinzione e quanti stiano cavalcando l’onda per puro calcolo politico: i cambi di idea dell’ultimo minuto insospettiscono; si parla genericamente di ‘cattolici del partito x o y’, ma poi la religione viene tirata in ballo solo quando fa comodo… trai difensori della ‘famiglia tradizionale’ c’è gente che di famiglie ne ha costruite due o più, avendo ogni volta figli, senza alcuna apparente preoccupazione riguardo la creazione nei fatti di famiglie ‘allargate’.

A me, più che l’ipotetico ‘mercimonio’ derivante dalla presunta apertura delle porte al cosiddetto ‘utero in affitto’ che deriverebbe dalla possibilità di una persona di adottare il figlio precedentemente avuto dal proprio compagno / a,  spaventa il mercimonio che in queste ore sta venendo praticato coi diritti delle persone.

DIO ESISTE E VIVE A BRUXELLES

Ok, le prime due notizie, buone o cattive, a seconda di come la si pensi ce le dà il titolo: dio c’è (come citano affermano certi cartelli autostradali) e ha scelto come luogo d’elezione la capitale belga.
I più saranno invece delusi o scontenti, sapendo che il dio in questione non è né quello vendicativo del Vecchio Testamento, né quello Misericordioso del nuovo… Più semplicemente, dio è una persona poco raccomandabile, iraconda, incline all’alcol, che vessa una moglie fin troppo remissiva e che passa il suo tempo davanti al computer, attraverso il quale decide le sorti dell’umanità… spesso con un atteggiamento cattivo, ai limiti del sadismo, visto che il nostro sembra aver inventato il genere umano per ammazzare il tempo, ma poi la cosa gli è sfuggita di mano, assumendo le dimensioni di un’abnorme scocciatura.

Prevedibile che uno così abbia seri problemi con la propria prole: il primo figlio, J.C., ha preso e se n’è andato tra gli uomini, cercando di riparare i torti commessi dal padre… s’è visto in seguito com’è andata finire…
La seconda, Ea, a dieci anni appena compiuti, stufa delle ingiustizie paterne, decide di andarsene pure lei, cercando di non commettere gli errori del fratello.

Così, prima di partire e di mandare in tilt il computer del padreterno invia a tutti gli uomini un messaggio via cellulare con la data della loro morte, restituendo loro la coscienza della caducità della vita e facendo così in modo che tutti vivano al meglio il tempo che gli rimane; nel contempo, si sceglie una sorta di ‘scrivano’ che dovrà aiutarla a redigere il Nuovo Nuovo Testamento, che stavolta non racconterà la sua vita, bensì quella dei suoi nuovi – sei – apostoli; nel frattempo, anche il Padreterno sarà costretto a scendere tra le sue creature, per cercare di rimediare ai – presunti – danni della figlia.

La vicenda si dipanerà raccontandoci le storie di quelle sei persone, l’impatto sulla loro esistenza dell’improvvisa coscienza dell’approssimarsi – più o meno imminente – della loro fine, che ne sancirà in varie maniere il ritorno stessso alla vita, uscendo dalle secche dell’aridità, della rassegnazione, delle ossessioni o del semplice grigiore quotidiano in modi in alcuni casi anche discretamente originali, mentre la seconda figlia di dio rivelerà le reali motivazioni e il piano più ampio, celato dietro il suo arrivo tra gli uomini…

Una commedia dai contorni favolistici, con qualche concessione all’esistenzialismo: “Dio esiste e vive a Bruxelles” è stato uno di quei ‘casi’ che, a dire il vero con una certa frequenza, ci vengono offerti dal cinema francofono: stavolta poi la pellicola è balzata agli onori delle cronache, perché, per il classico tremendo scherzo del destino, è uscita nelle sale proprio mentre nella realtà vera si scopriva che Bruxelles, più che di dio, sembra sia la città d’elezione degli jihadisti europei…

Un film in alcuni casi (leggi alla voce: Fabio Fazio) è stato osannato oltre i suoi limiti oggettivi, che lungo il suo dipanarsi si perde un po’ per strada e che a tratti risulta anche un filino lento, ma ciò non toglie che in fin dei conti lo spunto di partenza dà al film delle solide fondamentamenta su cui sostenersi; se vogliamo, il ‘secondo avvento’ non è una novità assoluta e la protagonista pur essendo una ragazzina non è l’emblema dell’innocenza e della bontà assoluta: anzi, sembra anch’essa abbastanza perplessa, forse troppo matura nella consapevolezza dei propri limiti.

Il nome di Jaco van Dormael dirà forse poco al grande pubblico italiano, ma il regista belga è da tempo entrato nelle grazie della critica e può vantare almeno un altro successo di botteghino, ormai una ventina di anni fa, con “L’ottavo giorno” (per chi se lo ricorda, una sorta di Rain Man all’europea in cui l’arido manager Daniel Auteuil ritrovava la propria umanità grazie all’incontro con un ragazzo affetto dalla Sindrome di Down); van Dormael ci racconta questa storia dal respiro ‘biblico’ con abbondanti dosi di ironia, giocando sul concetto della ‘predestinazione’: tutti sappiamo di dover morire prima o poi, ma non quando, e la mancanza di questo dettaglio finisce spesso per far perdere di vista l’obbiettivo di fando, conducendoci a vivere esistenze per lo più insensate; allo stesso tempo, buttando tutto all’aria ci mostra come, potendo sapere quanto tempo gli rimarrebbe, gli uomini butterebbero all’aria molte convenzioni sociali e perfino qualche tabù…

La giovanissima esordiente Pili Groyne come tutti – o quasi – i bambini, si trova a proprio agio davanti alla macchina da presa a dare vita al suo personaggio di messia 2.0; Benoit Poelvoorde si conferma un comico e un attore di razza, divertendosi a dare vita a un dio infame e neghittoso (la parte più spassosa del film manco a dirlo è costituita dalla esperienze terrene del padreterno); nel resto del cast si distingue – per la sola carismatica presenza – Catherine Deneuve, nel ruolo di una moglie annoiata che troverà la propria realizzazione nel modo più inaspettato…

Ho visto questo film quasi fuori tempo massimo, essendo uscito prima di Natale e che probabilmente verrà a giorni soppiantato dalla raffica di uscite post-festive: il consiglio è comunque di dargli un’occhiata in occasione di eventuali programmazioni televisive o uscite su altri supporti.

R.I.P. DAVID BOWIE (1947 – 2016)

Inopinatamente scomparso solo pochi giorni dopo la grancassa suonata per il suo ultimo disco, che ora assume il sapore di un ‘testamento’, David Bowie è stato, almeno per me, un musicista in buona parte ‘controverso’.

Una carriera durata quasi mezzo secolo, una trentina di dischi, una mezza dozzina innalzati, giustamente, al ruolo di ‘capolavori’, altri decisamente dimenticabili, Bowie è stato una grande manager e ‘venditore’ di sé stesso.

Bowie, nel bene e nel male, ha sancito quella inscindibilità tra il ‘puro fatto musicale’ e  il contorno di immagine, costruzione del (o dei) personaggi, apparenza e via dicendo che con gli anni è diventata un tratto distintivo della ‘popular music’. Indiscutibile la sua capacità di scrivere canzoni, altrettanto indiscutibile il suo aver capito di poter fare notizia anche e soprattutto con la sua immagine e le sue ‘maschere’. Positiva se vogliamo questa sua ‘crossmedialità’ ante – litteram, decisamente negative le innumerevoli imitazioni cui ha dato luogo  lungo i decenni.

Altra questione quella della sua ‘genialità’ musicale: eccezionale anticipatore per alcuni, ‘modaiolo per altri’… Su questa ‘genialità’, ho dei dubbi: se penso alla sua mitologica ‘trilogia berlinese’, penso soprattutto all’incontro con Brian Eno, uno che forse genio può essere definito più a ragion veduta… Bowie? Più che di genio, parlerei di ‘intuito’… Bowie, più che un anticipatore, ha avuto secondo me un fiuto eccezionale nell’intuire cosa, nel mare magnum di trend – sonori e non solo -nascenti stesse per trasformarsi in moda, ed è stato bravissimo a ‘scommetterci’ su, il più delle volte azzeccandoci, spesso e volentieri finendo lui stesso per passare da anticipatore, anche se su questo, ripeto, ho qualche dubbio.

Dubbi non ce ne sono, invece, sulla capacità di applicare a certe ‘idee sonore’, capacità che gli hanno spesso e volentieri permesso di dare vita a dei capolavori; la capacità, soprattutto, di circondarsi di musicisti di livello a dare forma sonora a testi che in molte occasioni resteranno – e a ragione – nella storia del rock.

Un genio? Forse no. Un grande della storia del rock, sicuramente.

 

TUTTO PUO’ SUCCEDERE

Qualche giorno fa, per puro caso, incrocio su RaiUno il bel volto di Maya Sansa, attrice che per inciso ho sempre apprezzato e che forse da qualche anno è stata un po’ troppo accantonata dal nostro cinema, ma vabbé.
Mi fermo lì cinque minuti a vedere che roba è – intendiamoci, la fiction italiana – con rarissime eccezioni, l’ho sempre fuggita come la peste – e il tutto mi sembra insolitamente gradevole, se nonché… se nonché, dopo una decina di minuti buona, mi accorgo che questa serie, intitolata “Tutto può succedere”, altro non è se non la versione italiana dell’americana “Parenthood”, che negli USA ha raggiunto, mi pare, la quinta stagione e che a sua volta è derivata da un film non riuscitissimo di Ron Howard.

“Parenthood” è una serie che ho molto apprezzato, riuscendone però a seguire bene solo le prime due stagioni, prima che Mediaset – probabilmente per gli scarsi ascolti – la relegasse in orari improbabili o sulla programmazione ‘residuale’ delle reti secondarie, come La5.
Le fiction famigliari americane le ho sempre apprezzate, forse perché  – per questioni famigliari – mi è sempre mancato questo senso di ‘caciara’, di case dove c’è sempre chi va e chi viene, problemi e vicende che si incrociano.
Le fiction famigliari italiane le ho sempre scansate, perchè il più delle volte, anziché la vita ‘reale’, descrivono mondi paralleli in cui troppo spesso tutto si aggiusta, con abbondante condimento di intenti moralistici, quando non pedagogici… Il riferimento naturalmente è soprattutto al famoso “Medico in Famiglia”, un prodotto che ha raggiunto rari livelli di insopportabilità…

Detto questo, “Tutto può succedere” è un bel passo in avanti, che si lascia seguire. Perché? Perché, a dirla tutta, è una ‘cover’: la serie americana non è una semplice fonte di ispirazione, ma viene riproposta di sana pianta, con vicende e personaggi. Il rispetto quasi calligrafico dell’originale è il miglior pregio e forse il miglior difetto: come avviene in musica, se un pezzo originale è buono, anche la cover, per quanto stravolta, sarà efficace; allo stesso modo però, le cover ‘ugualiuguali’ alla fine hanno poco senso: meglio metterci del proprio insomma, volendo anche stravolgendo l’originale, pur rispettandolo (sembra un ossimoro, ma è fattibile).

La versione italiana riprende tutto pedissequamente: la coppia alle prese con un figlio autistico e un’altra adolescente, la madre single di altri due figli che torna a casa dei genitori dopo un matrimonio fallito; la coppia formata da una donna in carriera e da un giovane uomo che forse rifiuta ancora un po’ di crescere che entra in crisi; l’eterno Peter Pan che fugge qualsiasi responsabilità che si scopre improvvisamente padre di un bambino di cinque anni… Vicende singole che si incrociano variamente, problemi reali e veri, vita quotidiana in cui spesso (ma non sempre) si trova conforto tra le mura domestiche e in cui i problemi proseguono anche quando ci si alza da tavola.

Viene da pensare, in fondo, che per ottenere il discreto risultato che si è raggiunto, quello della carta – carbone fosse il metodo migliore: io immagino, con tutto il rispetto, cosa sarebbe potuto succedere se magari la serie avesse voluto prendere una strada autonoma e ‘italiana’ rispetto all’originale, fermo restando che certe problematiche non sono certo solo americane, anzi… ma è risaputo che la tv, specie quella pubblica, di casa nostra, deve sempre mescolare tutto, e allora ecco che la fiction, invece di raccontare storie, deve sempre dire pure altro, spesso, ribadisco, con un certo moralismo.
Insomma: la fiction italiana troppo spesso tratta gli spettatori come degli imbecilli, e ancora peggio sono gli spettatori che da imbecilli si lasciano trattare… Sarò fissato, ma io ancora oggi col successo di “Un medico in famiglia” non ci riesco a fare pace, con gli ospedali puliti e ordinati in cui tutto funziona a meraviglia e le famiglie in cui tutto si sistema a tavola… macchecca**o.

“Tutto può succedere” è un’imitazione quanto si vuole, si potrà dire che è un gioco facile senza inventiva, ma almeno evita di prenderci per scemi, i personaggi sembrano finalmente ‘veri’ (a differenza dei protagonisti dei prodotti ‘biografici’ in cui sono tutti al limite della santità), in cui le situazioni e le problematiche sono discretamente realistiche.
Poi certo, i mezzi italiani non sono quelli U.S.A. e, parlando di attori, un Pietro Sermonti non sarà mai un Peter Krause, ma Maya Sansa non fa rimpiangere troppo Lauren Graham e Ana Caterina Morariu se la cava abbastanza discretamente, mentre Giorgio Colangeli e Licia Maglietta offrono un’apprezzabile dose di esperienza.

Non so se e quanto “Tutto può succedere” proseguirà; se continuera a ricalcare fedelmente le vicende dell’originale o magari se ne distaccherà, ma per il momento dà l’idea che tutto sommato qualche volta ci si può sintonizzare su RaiUno senza ridere di fronte alla comicità involontaria o – più spesso – farsi girare le scatole per l’uso fatto dei soldi raccolti col canone.

Riuscire a restare su quel canale per più di cinque minuti, per quanto mi riguarda, è già un buon risultato.

 

P.S. In realtà una cosa realmente insopportabile in questa serie c’é: la voce del cantante dei Negramaro che intona la sigla.

TOP 10 2015

I migliori dischi recensiti recensiti sul blog nel corso dell’anno appena concluso.

1) Tubax      Governo Laser

2) Linea 77   Oh!

3) LeSigarette!!    2+2=8

4) Lizziweil  In volo sopra la polvere

5) Simone Mi Odia  Saturno

6) Invers     Dell’amore, della morte, della vita

7) Felpa      Paura

8) Pristine Moods om

9) Io e La Tigre 10 & 9

10) Africa Unite Il punto di partenza

LA PLAYLIST DI DICEMBRE

Il demiurgo sulla soglia del tempo Friedrich Cané & Giacomo Marighelli

Il limite Giancarlo Frigieri

Inverno CRNG

Ritorni Le Mosche

You killed my sun Materianera

Un attimo Na Isna

Il giovane Niccolò e il ritorno dell’uguale Ono

Siringhe (o di una vita) Elpris

Revolver Io e La Tigre

A me mi Lucio Leoni