R.I.P. PINO DANIELE (1955 – 2015)

Non sono mai stato un fan di Pino Daniele: l’unico ricordo biografico che in un qualche modo mi lega alla sua musica è ‘O scarrafone; all’epoca ero ai primi anni delle superiori, mi ricordo l’acquisto della mia prima ‘radiolina’ portatile e che quel brano allora veniva trasmesso a raffica dalle radio… ma è rimasto, in fondo, un caso isolato.

Certo, mi piace tanto Je sò pazzo’, anche per quel ‘non ci scassate u cazz”’ che, specie quando sei ragazzino, non puoi non accogliere con una sana ilarità, e questo mi porta a considerare come in fondo ci siano stati due Pino Daniele: il primo è quello, se vogliamo, della ‘sperimentazione’, del blues e del jazz mescolati con la canzone napoletana, spesso col dialetto; il secondo è quello che, dagli anni ’90 in poi, sembra aver progressivamente cessato la ricerca, pur non perdendo le sue influenze sonore, ma ‘accontentandosi’ se vogliamo di dedicarsi a quella canonica ‘musica leggera’ che da noi va per la maggiore, canzoni per lo più volte al sentimentale, con una ‘confezione’ che le rendeva brani adattissimi a scalare le classifiche… un Pino Daniele sempre più ‘sentimentale’ che non ricordava granché quello che ai tempi cantava “Masaniello è tornato…”

Ciò che più dispiace è che, per quanto amato ed osannato nella sua Napoli, Pino Daniele non sembra aver lasciato degli eredi: per trovare degli emuli, che cerchino di riprendere se non altro a livello ‘concettuale’ l’idea di mescolare la tradizione napoletana con altri generi, bisogna andare a cercare nel sottobosco: se vi capita, andatevei ad ascoltare The Gentlemen’s Agreement o ‘A 67; ma poi devo concludere che oggi se si sommano le parole ‘Napoli’ e ‘musica’, l’unico risultato di rilievo si chiama Gigi D’Alessio prodotto di un genere ‘neomelodico’ sempre imperante, quanto molesto; e allora forse, il vero rimpianto che lascia la scomparsa di Pino Daniele è quello di un’eredità (almeno quella della prima parte della sua carriera) che nessuno o ben pochi (probabilmente destinati a rimanere nell’ombra) hanno saputo raccogliere.

Annunci

7 responses to this post.

  1. Maddai 😦 oggi ho trottato come una pazza e non lo sapevo. Ebbene mi dispiace molto molto e molto. Di sguincio ho visto che era da qualche parte per fine anno.
    Non capivo perchè tu parlassi di lui.

    sheranomorewords

    Rispondi

  2. detta fuori dai denti penso che molti farebbero la firma x morire di colpo che magari dopo anni di cure e sofferenze.. certo, l’età, colpisce per quello.
    da un punto di vista musicale proprio nn era nn è il mio genere come nn lo è nessuno dei cantanti napoletani, xò era un bravo chitarrista.

    Rispondi

  3. Posted by luigi on 7 gennaio 2015 at 08:37

    lo ascoltavo all’inizio della carriera, poi non più…mi stupisce questo profondo affetto postumo da parte di gente che magari manco sapeva chi fosse…

    Rispondi

    • @Luigi: queste manifestazioni d’affetto che diventano anche un po’ uno ‘spettacolo’ sono tipiche di queste occasioni; non giudico sulla sincerità; sottovoce, dico però che se Pino Daniele se n’era andato da Napoli un motivo ci sarà stato e che il problema sia che la sua ‘lezione’ è stata ben poco appresa, se oggi ad essere osannato è Gigi D’Alessio…

      Rispondi

      • Posted by luigi on 8 gennaio 2015 at 07:54

        Purtroppo concordo con te…Gigi D’Alessio, mi fa impressione solo nominarlo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: