RENZI: ED ORA?

Quel che è detto è detto, quel che fatto è fatto… il risultato delle primarie sta tutto nei numeri: 3.000.000 circa di votanti, un plebiscito per Renzi… più che delle analisi sul ‘ciò che è stato’, sono curioso per il ‘ciò che sarà’. Gli analisti sostengono che se Renzi non è stupido, lascerà lavorare Letta, senza rischiare di buttare tutto all’aria… nel suo discorso di ieri, Renzi ha rimarcato ancora una volta l’urgenza della nuova  legge elettorale e di una riforma che semplifichi e renda più agile e meno costosa l’architettura istituzionale italiana. Bene, ma i tempi? Possibile che il solo arrivo di Renzi alla segreteria segni un’accelerazione in tal senso? E se, poniamo, Renzi davvero in uno – due mesi, dovesse raggiungere i due obbiettivi, allora che succederà? Sono abbastanza sicuro che il neo-segretario non abbia intenzione di andare a votare con l’attuale legge elettorale (qualunque essa sia, visto che appurata l’incostituzionalità di quella vigente, non si è ancora capito se, poniamo, ritorni in vigore quella precedente); tuttavia, se Renzi dovesse ottenere in tempi brevi la nuova legge elettorale,  non sono così sicuro che lasci proseguire Letta.

Renzi è ambizioso, e sappiamo bene che ha deciso di fare il segretario solo perché questo è uno step ‘intermedio’ che si è frapposto tra lui e il Governo; altrimenti del PD se ne sarebbe fregato. Ora: attualmente Renzi è il politico più popolare in Italia, a occhio e croce i sondaggi vedranno ad esempio, tornare M5S sotto al 20% proprio per l’effetto – Renzi; la destra è allo sbando, il centro inesistente; Renzi può contare su un vantaggio competitivo allucinante, vantaggio che però è destinato ad assottigliarsi per il solo passare del tempo. Votare nel 2015 per Renzi significherebbe: 1) Esporsi al logoramento del sostegno di un Governo che continuerà  ad operare come ha fatto finora, puntando tutto sul rigore dei conti, con poco o nullo spazio per la riduzione delle tasse; 2) Di conseguenze esporsi alle critiche del MoVimento Cinque Stelle; 3) Permettere al campo del centrodestra di riorganizzarsi.

Domanda: gli conviene tutto questo? La risposta non può che essere negativa, e allora io ho tanto l’impressione che non appena Renzi porterà a casa la legge elettorale, cercherà il ‘casus belli’ per far cadere il Governo, magari prendendo a pretesto la politica fiscale o altro; di tempo ce n’è obbiettivamente poco, ma ce n’è… e davvero pensate che Renzi non sia intrigato dall’idea di presentarsi in Europa come il nuovo Capo del Governo in occasione del semestre di Presidente italiana UE? Lo ribadisco, l’uomo è ambizioso, e a restare per oltre un anno ad occuparsi delle beghe di partito, proprio non ce lo vedo.

10 responses to this post.

  1. Questa volta sono d’accordo con te…

    Rispondi

  2. Votare con questa legge ‘si mormora’ sia incostituzionale.
    L’Italia è al palo. Gli scontri di oggi non sono un buon sintomo.
    Questa cifra di 3 milioni di persone coinvolte in un nuovo (poi vedremo quanto vincente) progetto (e questo appeal vale per tutti e tre i candidati) sono un segnale di desiderio e di fiducia ma data col contagocce.
    Renzi è indubbiamente ambizioso, indubbiamente la segreteria del democratici non può che essere un trampolino. Dunque nonostante tutto io credo (Lo condivideva anche Civati) “legge elettorale e voto”.

    sherabuonasettimana

    Rispondi

  3. Posted by luigi on 9 dicembre 2013 at 18:08

    pensa se invece riesce a ottenere ciò che ha promesso….
    sai che beffa..
    lasciamolo lavorare, alla faccia di Grillo e Berlusconi…
    poi lo giudicheremo
    intanto oggi:
    primo incontro con Letta
    elenco della segreteria.
    e tutto questo mentre i burocrati del PD aspettano una settimana a dargli l’incarico
    LAVORARE LAVORARE LAVORARE….basta attese
    comunque con 3 milioni di votanti, per me, non è una giornata di lutto

    Rispondi

  4. Posted by luigi on 10 dicembre 2013 at 08:15

    7 donne e 5 maschietti…
    altro smacco per le donne che lo criticano…:)

    Rispondi

    • @Luigi: quella è un’operazione di immagine, a me interessa la competenza; ora, su gran parte dei nomi non posso giudicare, non li conosco, però Deborah Serracchiani la conosciamo, è una ‘tosta’ e competente nel suo settore, trasporti e infrastrutture; sul fronte opposto c’è Marianna Madia, messa al lavoro non si sa bene perché…

      Rispondi

  5. Marianna Madia.. e che esperienza ha mai avuto lei nel mondo del lavoro?
    quasi vicina allo zero xò è giovane e telegenica come tutte le donne che ha scelto.. poteva metterla anche come responsabile di cucito e unicinetto che era uguale.

    Rispondi

  6. tutto molto possibile, ma anche oggi non sono affatto convinto che Renzi abbia questo vantaggio competitivo così enorme rispetto agli altri.
    Mi ha fatto anche molto riflettere il tuo paragone con Craxi…. speriamo!

    Rispondi

  7. Renzi ha tutto l’interesse a far lavorare bene il PD almeno per un anno e poi presentarsi con qualche risultato alle elezioni…

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: