DI SENATORI A VITA ED ALTRO

Questa cosa dei ‘Senatori a vita’ mi ha sempre affascinato: al limite, mi è venuto talvolta da pensare che dovrebbe essere creato una sorta di ‘organo con funzioni consultive’, formato dalle eccellenze nazionali, dai Nobel o da coloro che hanno ottenuto riconoscimenti a livello mondiale… Capisco le critiche di coloro che sottolineano come, sotto il profilo strettamente ‘politico’, in questo modo il Presidente della Repubblica abbia la facoltà di mutare gli equilibri in Parlamento, ma consentitemi: che tristezza, che piccineria, che miseria etica e morale nelle critiche di bassa lega che si sentono puntualmente ad ogni nomina del Senato a vita, specie in questa occasione. Abbado, Rubbia, Piano, Cattaneo; ma ci si rende di coloro di cui si sta parlando? Valessi io, un centesimo di loro, per quello che hanno fatto nella loro vita… e invece? Invece devo assistere alle reazioni stizzite di chi pretendeva che il seggio di senatore a vita fosse conferito a uno che è appena stato condannato in via definitiva per evasione fiscale. In pratica, ‘l’aristocrazia’ (nel senso greco, come ‘governo dei migliori’) contro l’oclocrazia, il ‘Governo della feccia’.  Non parliamo poi delle critiche sui soldi: a parte il fatto che si, in effetti i neosenatori a vita forse farebbero meglio a rinunciare, ma anche se fosse? Insomma, io preferisco che i soldi delle mie tasse vadano a un Nobel, a un direttore d’orchestra, a una ricercatrice e un architetto che non ad ex vallette televisiva o da  una tizia che a suo tempo ebbe ad affermare che “l’uccisione di Bin Laden è un miracolo di Wojtyla’ (giuro, è vero, e sta ancora seduta in Parlamento: cercate su Internet di chi si tratta); poi, naturalmente, la critica maggiore: ‘eeeh, ma sono tutti di Sinistra’: ora, a parte il fatto che fino a prova contraria essere di Sinistra non è un reato (l’evasione fiscale si) e in questo non vi è nulla di disdicevole, ma poi scusate, anche se fosse? Il problema magari è che ‘dall’altra parte’ non c’è nessuno,  a parte i soliti Albertazzi e Zeffirelli…  Insomma, diciamocela tutta, quei quattro se non atro, elevano il livello di un Parlamento pieno zeppo di semianalfabeti: almeno qualcuno si fregia del titolo di Senatore a ragion veduta e non perché semplicemente nominato da un capopartito… Invece, si polemizza… e vabbé polemizzate, tanto la polemica è il pane quotidiano dei co***oni, in Italia…

Per il resto, il Governo Letta va: nessuno in fondo vuole affondarlo; non conviene al PDL, perché una crisi accelererebbe il percorso verso una ‘resa dei conti’, di cui in molti là dentro hanno paura… e in fondo tutti quelli che attualmente siedono nel Governo (nessuno dei quali tra l’altro è un ‘fedele berlusconiano’) vogliono andare avanti; nemmeno il PD vuole la crisi, perché è del tutto evidente che se il Governo dura, Renzi verrà disinnescato e il PD potrebbe confermare Letta come prossimo candidato Premier.

La questione IMU-TARES, TASER non convince: ancora troppo nebulose le prospettive, soprattutto il dubbio riguarda il ruolo dei Comuni, che potranno giostrare la loro autonomia impositiva (che non si limita alla ‘tassa sui servizi’) per poter far quadrare i conti: al calo delle tasse ci credo poco; nel frattempo, l’unica cosa che dovrebbe calare, ossia il tasso sul debito, resta stabilmente sopra il 4%, il che significa  dover pagare ogni anno oltre 80 miliardi di euro di interessi: pensate che se il debito scendesse costantemente anche solo attorno al 3,5 per cento, già si risparmierebbero una decina di miliardi l’anno: con 10 miliardi in più a disposizione, pensate a quanto si potrebbe fare… Nel frattempo, il debito pubblico italiano aumenta di circa 6,000 euro al secondo (andatevi a vedere il contatore sul sito dell’Istituto Bruno Leoni, fa venire l’ansia). Finché non calano i tassi, insomma, il Governo dovrà forzatamente fare ‘le nozze coi fichi secchi’, tagliando (o facendo finta di farlo) da un lato e aggiungendo dall’altro…

16 responses to this post.

  1. Tu m hai stimolato e su questo sito si puo’ trovare l’elenco dei senatori a vita nominati da ogni singolo Presidente. Direi che i politici sono pochi mentre eccellono persone di grande valore culturale che davvero hanno portato l’Italia nel mondo. Appoggio totalmente la scelta di Napolitano (meno ma ‘tattica’ quella di Mario Monti).
    http://it.wikipedia.org/wiki/Senatore_a_vita_(diritto_italiano)
    Ho sentito anch’io i mugugnanti che avrebbero voluto anche questo seggio per il loro presidente e fondatore condannato in via definitiva!
    Su tutto il resto, interessante e condiviso, perdonami, glisso.

    sherabuonpomeriggiotraimorsidizanzareferoci

    Rispondi

    • @Shera, in realtà a vedere la lista, dominano i politici: l’unico che ha tenuto fede alla Costituzione è stato Einaudi, 7 non politici, 1 politico; Gronchi: 1 politico; Segni: 3 politici; Saragat: 2 politici, 2 non politici; Leone: 1 politico; Pertini (un pò meglio): 2 politici, 3 non politici; Cossiga: 4 politici, 1 non politico; Ciampi: 2 politici, 3 non politici; con Napolitano siamo 4 a 1 per i non politici, considerando Monti eletto per fini esclusivamente politici. La Costituzione parla di meriti nel campo ‘sociale, scientifico, artistico e letterario’; a essere puntigliosi dalla categoria sarebbero esclusi non solo i politici, ma pure gli industriali, come Valletta, Agnelli e Pininfarina… poi ovviamente con la scusa del ‘sociale’ largamente e genericamente inteso, i Presidenti della Repubblica hanno spesso agito con una fin troppo ampia discrezionalità, finendo spesso e volentieri per utilizzare la carica come premio alla ‘carriera politica’ di molti dei nominati…

      Rispondi

  2. Se si pensa che al Senato siedono personaggi come Razzi, che peraltro non sa neppure esprimersi correttamente in italiano, la nomina di 4 figure che hanno dato lustro al mondo della scienza e della cultura, non può che essere motivo di grande soddisfazione. Le polemiche sterili e pretestuose le lasciamo al centrodestra…

    Rispondi

  3. stride lo stipendio e poi cumolo di pensiione eventuale che si beccheranno.. loro e tutti qll come loro, dovrebbero essere ad honorem sine pecunia.
    che poi abbado e piano nn abbiamo nemmeno la residenzza fiscale in italia.. stride il triplo.

    Rispondi

  4. Posted by luigi on 3 settembre 2013 at 12:44

    concordo con Rear…se penso ai Razzi e agli Scilipoti….

    Rispondi

  5. ben vengano i senatori a vita. poi ‘sti politici si lamentano perchè avremo da pagare nei prossimi anni altri quattro stipendi da senatori: ma almeno qui parliamo di gente di cultura, non di uno scillipoti qualsiasi o peggio ancora dei pregiudicati che a decine siedono in parlamento! Magari fossero tutti senatori a vita!

    Rispondi

  6. Mah, mutare gli equilibri in parlamento… mi pare una gran cazzata: come se fossimo ancora col governo Prodi e un solo senatore in più!
    polemica sterile e stupida.
    soprattutto concordo con la miseri che c’è dall’altra parte.

    e tutto il discorso sul debito, giustissimo, sarebbe doveroso. peccato abbiamo una destra così….

    comunque, un organo di consulenza c’è: è il CNEL, ma è inutile (anche perché non sono personalità di spessore).

    Rispondi

    • @Redpoz: concordo su tutto… il problema del CNEL, comune a tanti altri organi di ‘consulenza’ è che con gli anni è stato utilizzato per dare poltrone a trombati, ex-qualcosa (Ministri, sindacalisti, etc…) rimasti senza ‘sedia’, etc… Chiaramente ridotto così serve a poco… Io però pensavo a qualcosa di più ampio, che si occupasse soprattutto di questioni scientifiche e culturali…

      Rispondi

      • mah, magari ci avessero mandato i trombati… almeno qualcosa di politica -forse- l’avrebbero saputo.
        no, da quel che so io sono per lo più rappresentanti delle imprese o dei sindacati (insomma, del “mondo produttivo”) senza un vero background istituzionale.
        ad ogni modo, cambia poco: organo assolutamente inutile

  7. allora, sono qui per lasciarti un saluto. Pare io sia tornata a tutti gli effetti, spero di leggerti presto. Smack!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: