WORLD WAR Z

Quando un misterioso virus va rapidamente diffondendosi attraverso il mondo, trasformando le persone in zombie assetati di sangue Gerry, ex agente dell’ONU specializzato in indagini nelle zone di guerra, viene incaricato d’investigare sulla faccenda, affiancando un giovane virologo e cercando di trovare l’origine del contagio e una possibile cura… Inutile stare a raccontareil seguito: in questi casi, meno si dice, meglio è…
A qualcuno (molti?) World War Z forse non dirà un granché: in fondo è un incrocio tra film a base di morti viventi ed action movie, un crossover non nuovissimo (basti pensare a tutta la saga di Resident Evil e, in parte, a film come 28 Giorni Dopo e il sequel 28 Settimane Dopo). Eppure, WWZ sembra comunque offrire ‘qualcosa’ di nuovo: dipenderà forse dal contrasto tra la produzione, abbastanza faraonica e l’argomento, che in effetti dal ‘padre’ del genere Romero in poi è sempre stato svolto all’insegna del ‘low’ budget… ma soprattutto, dipende dal fatto che, per la prima volta (e comunque con un’idea senz’altro non abusata), il tema ‘invasione zombesca’ viene svolto all’insegna dello sguardo ‘globale’, ‘dall’alto’ – a volte nel vero senso della parola, visto che il protagonista viaggia in lungo in largo per il globo il più delle volte in aereo – come non si era mai visto prima.
Si potrebbe quasi affermare che a quarant’anni e passa dall’originale, siamo arrivati agli antipodi: basta con il solito tema dei sopravvissuti asserragliati da qualche parte (case, centri commerciali, grattacieli, basi militari e via dicendo): la piaga diventa globale e – come dice a un certo punto il protagonista – ‘la vita è movimento’: il risultato è una corsa a perdifiato che ci porta da un capo all’altro del mondo, facendo diventare il tutto una sorta di ‘caccia al tesoro’ su scala planetaria alla ricerca della soluzione…
Non mancano sequenze ad effetto (almeno un paio credo siano destinate a restare nell’immaginario degli amanti del genere), non ci risparmia – pur senza eccessive concessioni – lo splatter, ci sono ovviamente i classici momenti di ‘tensione’ col ‘mostro dietro la porta’, ma in World War Zombie si cerca, riuscendoci in buona parte, di conservare ‘tutto ciò che non può mancare’ e cestinando il più possibile i luoghi comuni del genere, regalandoci un film che di certo non può essere accusato di essere ‘il solito film di zombie’. A monte, del resto, c’è il romanzo (pur molto liberamente reinterpretato) di Max Brooks (figlio d’arte di Mel e di Ann Bancroft, che ha evitato la trappola di seguire le orme genitoriali, per applicare altrove il proprio talento), uno che con la sua opera ha contribuito a svecchiare il ‘genere’ a partire da quel “Manuale per sopravvivere agli zombie” che ancora oggi risulta un assoluto colpo di genio.
A reggere la scena sulle sue spalle per tutto il film è un Brad Pitt che riesce più o meno agilmente nel compito (si tratta del resto di un film non ‘di personaggi’, quanto di situazioni), affiancato di volta in volta da vari comprimari tra cui, a solo titolo di ‘nazionalismo’, vale la pena di ricordare Pierfrancesco Favino (in un ruolo che intendiamoci, lui o un altro era più o meno la stessa cosa).
World War Zombie è insomma un film godibile, che finirà per soddisfare gli appassionati del genere, una ‘variazione sul tema’ che tutto sommato appare offrire qualche spunto d’interesse per contribuire a rinnovare un genere che comincia a sentire il peso dell’età.

4 responses to this post.

  1. sei in ritardo di un giorno!!!
    l’ho visto ieri sera e ovviamente mi rendo conto che ‘per gli amanti del genere’ sia un film di effetto (e effetti speciali), mio fratello ne è rimasto entusiasta (il bambinone che è in lui).
    E io ho solo notato l’invecchiamento del più bello ma sopratutto quei capelli, ossignur, ci desse un taglio!

    sheraottimasorellanchenellasceltadelfilm

    Rispondi

  2. Posted by luigi on 10 luglio 2013 at 07:05

    non è proprio il mio genere preferito, ma si può vedere..meglio delle commedie mielose americane…
    il figlio di Brooks scrittore? questa è una chicca che non sapevo…
    p.s. eri pure te ieri a contestare la Roma?? :)))

    Rispondi

  3. Non mi piacciono i filmi di zombie… eppure questo mi ha colpito.
    E’ un po “28 giorni dopo”, un po’ “L’esercito delle 12 scimmie”, un po’ “Io sono leggenda”, un po’ “Resident Evil 1”. Mescola molto, insomma, e cita parecchio.
    Però lo fa bene.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: