LA GRANDE BELLEZZA

Dopo aver raggiunto il successo grazie all’unico libro pubblicato, quarant’anni fa, Jep Gambardella ha vissuto di rendita, sbarcando il lunario con qualche collaborazione giornalistica e decidendo di buttare alle ortiche il talento per diventare invece uno dei protagonisti della ‘movida intellettuale’ romana, quella delle chiassose feste nelle terrazze o delle vuote chiacchiere nei salotti, fatta da gente più o meno priva di qualsiasi capacità… A 65 anni, Gambardella dovrà fare i conti con il tempo che passa, la morte che colpisce anche persone molto più giovani di lui, la vuotezza del mondo di cui ha scelto di essere un protagonista, la necessità, forse, di tornare a coltivare il suo talento.

Non è un film ‘facile’, “La Grande Bellezza”; al contrario, è un film ‘impegnativo’: per la lunghezza (quasi due ore e mezza), il ritmo spezzettato che alterna momenti di accelerazione a fin troppe parentesi di lentezza, per il filo narrativo esile, che collega quella che alla fine si rivela essere una serie di sequenze, aneddoti, microstorie…

Roma è bellissima ( qui mostrata nei panorami più noti e in scorci sconosciuti anche chi la abita) ma questo si sapeva e comunque questo non è un documentario; la gente che la abita spesso è bruttissima: è brutta le gente che abita nelle periferie degradate, perché i luoghi brutti rendono la gente brutta; è brutta spesso anche la gente che abita nel centro storico, dove purtroppo sempre più spesso si accede solo in forza del denaro… ma nemmeno questo ce lo doveva dire Sorrentino, in fondo bastano i ‘fotoservizi’ di Umberto Pizzi o degli altri ‘paparazzi’ che inseguono il ‘bel mondo’… La sterminata galleria di personaggi che ci presenta il regista non appare in fondo nulla di nuovo… anzi viene da dire che il gossip editoriale e quello televisivo spesso e volentieri superano di gran lunga la ‘realtà’ fotografata dal regista.

In un film in cui Sorrentino sembra veramente troppo interessato a far vedere quant’è bravo, in cui il ‘non detto’, l’ellissi, si trasforma spesso in sterile ‘tempo morto’, si fanno ricordare soprattutto i momenti, le situazioni, i personaggi che strappano la risata, assieme ad alcune battute fulminanti: una delle prime, “Proust è il mio autore preferito… anche Ammaniti” fotografa alla perfezione il ‘livello’ culturale di determinati ambienti (e non mancano critiche allo spiritualismo new age, alle performance di arte contemporanea, al clero che vabbè, se parli di Roma prima o poi ci finisci a sbattere contro)… ma tutto questo tuttavia non riesce a ‘salvare’ un film per il quale sono stati evocati paragoni incongrui: piuttosto che “La dolce vita”, “La grande bellezza” ricorda, alla lontana,  “La terrazza di Scola”.

Un film che tra l’altro vissuto sulla personaggio accentratore del protagonista che trova un contraltare nella prestazione accentratrice di un Toni Servillo lasciato fin troppo libero di dare libero sfogo alla propria vérve, col risultato di finire per gigioneggiare davanti alla macchina da presa; lo circonda una messe sterminata di personaggi in piccoli ruoli (c’è perfino un Venditti nel ruolo di sé stesso), trai quali si ritagliano maggiore spazio Carlo Verdone che però, dopo decenni che si dirige da solo viene da dire che il danno è fatto e più di tanto non ci si può aspettare,  e soprattutto una Sabrina Ferilli in un ruolo che si farà ricordare, che in Sorrentino sembra aver trovato un altro regista, oltre a Virzì, capace di tirare fuori il meglio di lei, nel contrasto tra ‘rigogliosità’ esteriore e dramma interiore.

Alla fine, insomma, “La grande bellezza” – e il titolo in fondo è un onesto ‘manifesto programmatico – è un film incentrato sull’estetica, su una ricerca di perfezione stilistica e formale che però alla fine diviene fredda, quasi manieristica: un film sopravvalutato fin dalle prime indiscrezioni, già capolavoro prima della fine delle riprese, del quale si è dovuto parlare bene per forza, a prescindere… se non altro, le riprese della città potrebbero essere utilizzate per un bello spot turistico della ‘città eterna’…

10 responses to this post.

  1. un film che io ho definito ‘inutile’. Il contesto è quello riportato da qualsiasi rotocalco o a margine dei telegionali 😦
    Roma è bellss e isu questo non ce piove, non a caso il film è piaciuto moltissimo agli americani.
    Se fosse durato un’ora sarebbe addirittura diventato un gradevole film di (nal)costune.Ne sono uscita con la schiena a pezzi.

    sheracmqgrazieperlatuadettagliatarecebtione

    Rispondi

  2. Anch’io ho scritto una recensione qualche giorno fa…… 🙂
    Ps La terrazza non l’ho visto ma potrei vederlo a giorni……
    comunque non è un film su Roma…….secondo me….

    Rispondi

  3. Vi dirò che a me è piaciuto molto, il cinema è anche estetica e visione e su questi aspetti Sorrentino è un campione.
    C’è anche parecchia poesia, la scena del Faro ad esempio…

    Rispondi

  4. lo aspetto su sky..

    Rispondi

  5. Le critiche che ho letto io erano tutte molto pesanti a riguardo. Concordo sulla questione di Fellini, non so se ricordi, ma neppure io trovai dei riferimenti così esaltati.
    A me piacque proprio il filo conduttore della storia intima del personaggio. Il punto è che Sorrentino lo ha reso trasformato nella costruzione dell’eccesso. Da qui, allora, è molto più vicino a Reality di Garrone.
    Smack, buon inizio settimana!

    Rispondi

    • @Bricolage: alla fine c’è veramente troppa estetica, la storia d’amore finisce per essere sotterrata e perdersi trai troppi aneddoti e quadri che si susseguono, in quello che secondo me è un eccesso anche di situazioni (e figuriamoci che sono state tagliate anche delle scene), di personaggi, di storie…

      Rispondi

      • la scena tagliata è stata quella di gep che si sbatte la ferrari. cosa che poteva mantenere, perchè tanto, per la seconda, non è una grandissima novità nell’apparire in quelle vesti nei film.

      • In realtà, sfogliando il ‘diario del film’ (interessante tra l’altro come l’uscita sia stata accompagnata da una serie di iniziative editoriali parallele, da Feltrinelli tra le novità c’è uno scaffale ‘dedicato’ a LGB), le scene tagliate sono diverse: Verdone e la sua ‘amata’ sulla scalinata dell’Ara Coeli, l’incontro tra Gambardella e un regista e credo un altro paio…

      • sisi, qualcosa c’era su yt, di una decina di minuti.

  6. bella recensione! Non mi trovo d’accordo in quasi niente ma mi ha fatto riflettere sul film. Grazie per averla condivisa!!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: