IL DIRETTORIO DEL PRESIDENTE

Quando Napolitano ha annunciato la scelta dei 10 saggi, la cosa mi ha lasciato abbastanza sorpreso: ho pensato, pensa tu, ha scelto un metodo per accontentare tutti o, piuttosto, per non scontentare nessuno… Ammetto che poi fin dall’inizio non avevo compreso in fondo il ‘senso’ dell’operazione, che a dire la verità al momento resta un pò oscuro per tutti.  Arriva la lista dei nomi, e spunta la delusione: un’accozzaglia di nomi già sentiti, di vecchi ‘maneggioni’ della politica che girano da anni (Quagliariello, Violante), affiancati da ‘astri nascenti’ (Mauro, Bubbico, Giorgetti) e da una serie di nomi più o meno conosciuti o altisonanti, rimediati dai ‘cervelloni’ della giurisprudenza, o dalle solite istituzioni economico – finanziarie (grida vendetta l’ennesimo ‘genio’ uscito dalla Banca d’Italia… banchieri, anche basta), con l’aggiunta dell’inserimento di un componente dell’attuale Governo, per dare un’ulteriore parvenza di ‘regolarità’ alla questione.  Di fronte alle rimostranze, in parte giustificate, di chi segnala l’assenza di donne, molto più grave mi pare il fatto che per l’ennesima volta in una fase delicata dell’Italia ci si rivolga a giuristi, esperti di economia o semplicemente politici in carriera: non uno, dico uno, che si occupi di cultura o ambiente: si ciarla tanto di questi ‘asset’ sui quali l’Italia potrebbe benissimo campare e alla grande, di rendita, ma al momento buono, mai una volta che ci rivolga ad un esperto del ramo. Le perplessità poi aumentano quando si pensa alla ‘ragion d’essere’ di questa sorta di ‘direttorio’. In Italia c’è un Governo, per quanto dimissionario; in Italia c’è un Parlamento, democraticamente eletto, che può redigere e approvare leggi. Punto. Non si vede a cosa serva un gruppo di cervelloni scelti dal Presidente della Repubblica, per fare non si sa bene cosa. Il senso, da quello che ho capito, sarebbe quello di ideare progetti: il brainstorming tra i cervelloni, tra cui ci sono rappresentanti di PD, PDL, Lega  e Scelta Civica (naturalmente nessuno del MoVimento Cinque Stelle, ed è meglio così, vista la compagnia), servirebbe, forse, a bypassare le lungaggini parlamentari per portare in aula provvedimenti da approvare con rapidità. Tuttavia mi chiedo: ma il Parlamento fa così schifo? Ci metterà tanto, ma è pur sempre democraticamente eletto. Qui abbiamo una cosa strana: un Presidente della Repubblica, eletto da un Parlamento non più incarica, che non si sa  a quale titolo invece di dare un incarico definito per formare il Governo, si sceglie dieci persone di sua fiducia, non si sa bene con quale ruolo; sembra quasi che si sia di fronte a un ‘corpo intermedio’ tra Parlamento e Governo dimissionario, scelto però con pura e totale discrezionalità dal Presidente della Repubblica: secondo me c’è da porsi un serio interrogativo sulla costituzionalità di una soluzione del genere, soprattutto c’è da chiedersi  – senza lanciare accuse – se il fatto che la Costituzione non lo vieti esplicitamente, la renda automaticamente praticabile. L’impressione è che Napolitano abbia voluto tergiversare, cercando di trovare una soluzione che, in mancanza di un Governo nel possesso di pieni poteri, agevoli l’approvazione di provvedimenti urgenti; una soluzione che permette di offrire una parvenza di stabilità davanti all’estero (ma basteranno i 10 piccoli indiani per rassicurare i mercati), e di far passare in maniera meno caotica il periodo che va da qui all’elezione del nuovo Presidente, che così potrà serenamente decidere se assegnare un nuovo incarico, o sciogliere le camere ed andare ad elezioni; sembra inoltre intravedersi il  tentativo, riunendo i rappresentanti delle ali più ‘dialoganti’ di PD  e PDL di riavvicinare i due, magari agevolando al prossimo inquilino del Quirinale il compito di trovare una soluzione di compromesso per la creazione della grande coalizione, tanto auspicata dai mercati, dall’Europa, dalla Germania, dalle agenzie di rating, del PDL e di settori non marginali del PD, con l’ovvio obbiettivo più a lunga gittata di depotenziare il MoVimento Cinque Stelle e rimettere il pallino nelle mani di quelli che negli ultimi vent’anni ci hanno portato dove siamo. L’unico problema è che vista la loro conclamata inettitudine, se PDL e PD vanno al Governo insieme, al prossimo giro il MoVimento becca il 40 per cento e passa…

7 responses to this post.

  1. Il fatto è che se il 5stelle governasse davvero, al prossimo giro prenderebbe il 5 per cento… forse per questo hanno osteggiato una possibile fiducia a Bersani, sempre revocabile fra l’altro…

    Sui saggi mossa oscena, però c’è un però enorme. Napolitano non può scogliere le Camere e indire nuove elezioni. Non può nemmeno far presentare Bersani al voto di fiducia e farlo perdere, avrebbe conseguenze devastanti sui mercati (e sui nostri risparmi e sui nostri soldi, altro che i 150 milioni di finanziamenti pubblici ai partiti)… è in una situazione molto difficile Re Giorgio

    Rispondi

  2. un nome tra i saggi spicca Quagliarello…e neppure uno saggiA 😦

    Rispondi

  3. Posted by luigi on 1 aprile 2013 at 16:04

    il solito papocchio all’italiana….Grill ogongola,…
    Quagliariello…un saggio?????? forse Quagliarella…:)

    Rispondi

    • @Luigi, sicuramente è più saggio Quagliarella come calciatore, che Quagliariello come politologo… o per qualsiasi cosa sia stato chiamato a fare da Napolitano… 🙂

      Rispondi

  4. Quagliariello più che saggio saggista nell’arte del voltagabbana… da vicesegrtario nazionale dei radicali a forza italia… saggio quello?????

    Rispondi

  5. la mia sarà deformazione professionale, ma trovo che invece sia corretto “affidarsi” a giuristi.
    in fin dei conti, i giuristi sono gli unici che -per formazione, vocazione e professione- hanno le competenze, le conoscenze teoriche e la pratica necessarie ad operazioni istituzionali che per loro natura sono essenzialmente giuridiche.
    anche senza pensare a banchieri ed economisti, è risaputo come tutte le scelte e gli orientamenti tecnici (anche ambientali, culturali, scolastici…) passano poi per provvedimenti giurdici ed è quindi inevitabili che siano da queste influenzati se non trasformati.
    il dirito inerva la società.
    che poi sarebbe stato opportuno allargare la riflessione ad altri campi come l’ambiente è indubbio, ma stante il contesto e l’arbitrarietà della scelta mi sembra un tema minore.

    condivido, peraltro, i dubbi e le perplessità sulla scelta di Napolitano, il cui unico scopo è evidentemente arrivare al 18 aprile.
    dubbi, come già dici, anche di natura giuridica.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: