RIPENSANDO A RATZINGER…

…e al suo gesto…  sarò in controtendenza, ma più passa il tempo, più il suo gesto mi sembra ‘naturale’: l’essere Papa ‘finché non intervenga la morte’ è una prassi consolidatasi in secoli, ma non un obbligo: in fondo il Papa, da monarca assoluto qual è, può decidere come e quanto vuole delle sorti del suo ufficio; c’è inoltre da considerare il discorso dell’allungamento dell’età e dell’evoluzione della medicina: è vero che per secoli i Papi sono rimasti al loro posto finché non sono morti, ma questo è stato vero soprattutto perché la morte arrivava più o meno repentina… L’allungamento dell’età media pone in maniera più decisa la questione della disabilità non solo fisica, ma anche mentale: c’è da pensare che come nel caso di tutti i comuni mortali, i Papi ultraottantenni diventino una norma, col tempo, e c’è da pensare che i casi di Pontefici colpiti da qualche malattia neurodegenerativa aumentino; a quanto pare non è questo il caso, ma lo è stato quello di Woytila; allora mi chiedo dove sia il limite: può la Chiesa essere diretta adeguatamente da un Papa non più capace di intendere e di volere? E in quel caso, la guida ‘reale’ della Chiesa a chi spetta? Non so cosa dica il Diritto Canonico, ma questo è nei fatti un problema nuovo, mai posto prima: gli ultimi Papi prima di Giovanni Paolo II sono tutti morti di qualche malattia specifica, non arrivando mai all’invalidità…  La seconda considerazione che faccio, riguarda il giudizio su Ratzinger: vorrei tornarci.  Ratzinger viene accusato di essere reazionario e oscurantista, ma a questo punto mi chiedo: cosa si chiede alla Chiesa? Qualcuno, anche  nei commenti al post precedente parlava di una ‘Chiesa al passo coi tempi’: ma cosa vuol dire questo? La Chiesa non può diventare un’istituzione come le altre, non può essere un qualcosa che ‘ognuno vive come vuole’: la Chiesa deve porre norme e precetti, poi se una persona ritiene di essere un ‘fedele’, un ‘adepto’, chiamatelo come volete, è tenuto a rispettarne i precetti. Punto. Nessuno è obbligato a essere cattolico; ovviamente diverso poi è il caso in cui la Chiesa pretenda di imporre le proprie convinzioni etiche a chi cattolico non è, ma questo è un altro discorso, qui parlo dei rapporti tra i fedeli e la propria religione. Da ‘cattolico non praticante’ non capisco cosa si chieda alla Chiesa, al Papa. L’altro giorno in televisione ascoltavo Don Gallo, degnissima persona intendiamoci, elencare tutta una serie di richieste, dall’annullamento del celibato dei preti all’ordinazione delle donne… Ora, fermo restando che la validità di queste richieste è argomento da teologi (non mi risulta Gesù Cristo abbia mai detto nulla sul fatto che chi diffonde la ‘buona novella’ non possa avere una famiglia o che alle donne sia vietato propagare la parola di Gesù, e infatti i Protestanti tutte queste cose le ammettono), io non credo che si possa chiedere alla Chiesa di ‘dire si a tutto’: la Chiesa è un’istituzione millenaria, deve per forza di cose avere punti fermi, del tutto indipendenti dall’evoluzione dei costumi: non si può chiedere alla Chiesa di ‘essere al passo coi tempi’. Prendiamo una cosa apparentemente innocua come la musica: Ratzinger ha parlato in modo chiaro a favore del ritorno del Canto Gregoriano; e giù una sequela di critiche, all’insegna del ‘brutto, cattivo oscurantista’… eppure, eppure sinceramente preferisco mille volte il Canto Gregoriano alla messe di strimpellatori dei quali si sono riempite le chiese negli ultimi decenni. Io poi tra l’altro le chiese le frequento in massima parte quando c’è poca gente  e c’è silenzio, le trovo perfette oasi di raccoglimento; se permettete, gente che suona (male) una chitarra la lascerei fuori. Insomma, io la Chiesa la vedo come qualcosa di estremamente serio e rigoroso, che si basi su precetti e punti fermi;  ad esempio, piacerebbe a tutti una Chiesa che dica: trombate come dove e quando più vi piace; piacerebbe a tutti una Chiesa che dica che vivere avendo come stella polare l’accumulo di beni e soldi’ non sia poi così grave peccato (sorvolo sul fatto che poi all’interno dello stesso clero ci sia gente che col denaro ha fin troppa dimestichezza e infatti alcuni lasciano capire che questo è uno dei motivi per cui Ratzinger s’è stufato)… gli esempi potrebbero continuare, ma siamo sicuri che con una Chiesa così ‘permissiva’ e ‘al passo coi tempi’ le cose andrebbero meglio? Qualcuno dirà che nei fatti la stragrande maggioranza dei ‘fedeli’ già adesso ‘fa un pò come ca**o gli pare’, e questo è vero, ma questo appartiene alla loro coscienza di cattolici: se pensano di esseri buoni cattolici anche fregandosene dei precetti della Chiesa è un problema che riguarda loro, la loro coscienza di cristiani e il rapporto con Dio; molto diverso sarebbe se a dare il ‘via libera’, dare il ‘rompete le righe’ fosse la stessa istituzione ecclesiastica, nella figura del Papa: ci mancherebbe pure che i precetti cristiani cominciassero a venire interpretati come capita, come per esempio avviene con la Costituzione Italiana, e s’è visto come sono andate a finire le cose…  Il problema forse non sta nel fatto che ‘la Chiesa deve essere al passo coi tempi’, piuttosto dev’essere lo stesso clero, a dare l’esempio, cosa che è davanti agli occhi di tutti che non sta succedendo per nulla, e detto tra noi se il Papa ha rinunciato, oltre che i limiti c’è di mezzo probabilmente pure la decadenza delle gerarchie…

6 responses to this post.

  1. il tema che poni è molto interessante.
    ma voglio provare una provocazione: qualche papa è stato capace di intendere e volere???
    … in fin dei conti, un’alta partecipazione spirituale, quasi un’ascesi potrebbe essere confusa con insanità mentale.

    sul ruolo della chiesa ed il suo “essere al passo coi tempi”, ti consiglio -in campo leggermente diverso- il libro di Bernan “diritto e rivoluzione”, che mostra bene come la chiesa sia sempre (anche innovando) “a passo coi tempi”.
    (libro che potrebbe darti anche qualche indicazione sui dogmi della chiesa e sulle sue regole- in riferimento a Gallo).

    quanto all’affermazione “nessuno è obbligato a essere cattolico”, mi trovi in disaccordo. cioè, sono d’accordo come principio, ma non credo questo sia l’atteggiamento della chiesa: secondo me, una pretesa “cattolica”, universale, di evangelizzare -quindi convertire- tutti c’è.
    ed in Italia si vede bene con certe pratiche legislative o etiche.
    questo, secondo me, è comunque un tratto peculiare a tutte le religioni o quasi.

    comunque, bella riflessione.

    Rispondi

    • @Redpoz Ti ringrazio; col ‘nessuno è obbligato’, intendevo piuttosto un ‘nessuno deve sentirsi in obbligo’: insomma, io credo che nel momento in cui oltre a dirsi ‘cattolici’ perché battezzati (quello lo siamo tutti o quasi), ci si impegna a essere ‘praticanti’ e seguire i dettami della religione, poi non si può chiedere che questi cambino perché non vanno bene; la pratica religiosa, non è ancora obbligatoria, per il momento… 😉

      Rispondi

      • non lo è più e per il momento non lo è ancora… però (sempre in via ipotetica ed astratta) non negherei che potrebbe esserlo.
        😉

        in compenso, ti interesserà sapere che secondo alcuni studi (appena trovo la fonte te la copio) i credenti praticanti sono più felici dei credenti non praticanti.

      • …interessante… 😉

  2. Concordo al 100 %.

    Ratzinger, a mio avviso, non è stato una Papa peggiore di Giovanni Paolo II (che ha fatto anche inenarrabili porcate) ma a differenza del predecessore non ha saputo vendersi bene…

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: