PUSSY RIOT: E MONTI TACE…

(che poi detto tra parentesi mi aspettavo di trovare in questi giorni di mancato aggiornamento un bello ‘0 visite’ e invece quella decina di persone di media  al giorno è comunque  passata). Ciò che è successo credo lo sappiano più o meno tutti: le Pussy Riot sono un trio russo di punk al femminile (peraltro la qualità della loro proposta musicale non è che sia tutto ‘sto che), che qualche mese fa si è esibita in una manifestazione di protesta estemporanea cantando un brano anti-Putin in una delle più importanti chiese russe. Apriti cielo: ragazze in galera, processo, condanna a passare due anni in una sorta di colonia penale che da quello che ho sentito ricorda molto quella descritta nel fim “Runaway Train – a 30 secondi dalla fine” . Indignazione ovunque, perché questo è l’ennesimo caso di plateale violazione dell’elementare diritto alla libertà di espressione in Russia: alla fine persino gli ortodossi, che – anche con un pò di ragione, a dire la verità – si erano incavolati per il gesto sacrilego, hanno invitato alla clemenza… In Russia, lo sappiamo tutti, vige una visione un pò particolare della democrazia: la democrazia va bene finché non si mette in discussione Putin: se qualcuno fa tanto anche solo per indispettirlo, via, buttato in galera. Nell’occasione delle proteste contro la sentenza per il caso in questione, tra l’altro, si è pure approfittato per mettere per l’ennesima volta sotto indagine l’ex campione di scacchi Kasparov, uno dei leader dell’opposizione, che già in passato ha avuto problemi: insomma in Russia l’opposizione la puoi fare,  ma solo come piace a Putin (a tal proposito viene in mente la concezione di democrazia, Governo e opposizione che pare avere il nostro ex-Presidente del Consiglio, che di Putin è guarda caso grande amico). Le reazioni indignate per il trattamento delle tre Pussy Riot sono ovviamente partite dagli USA, hanno coinvolto vari rappresentanti dell’UE, hanno suscitato persino le dichiarazioni della Merkel. Nelle stesse ore cosa faceva Monti: snocciolava similitudini belliche per parlare della lotta all’evasione e si impelagava in un discorso senza capo né coda sulla necessità di rivedere la normativa sulle intercettazioni. Sul caso delle Pussy Riot e sulla questione dello stato della democrazia e della libertà di espressione in Russia, silenzio assoluto: e certo, perché guai a disturbare il manovratore, guai a mostrare la seppur minima titubanza nei confronti di Putin, che sennò quello ci chiude i rubinetti del gas e del petrolio; guarda caso (strana coincidenza…) il Governo italiano appare altrettanto defilato nei confronti della questione siriana: e non ci vuole molto a capire il motivo, visto che Putin è stato finora irremovibilmente a fianco del regime di Assad… Insomma, guai a indispettire ‘madre Russia’, che poi magari i miliardari non vengono più in Italia. In Russia un gruppo punk  (ma dubito che Monti sappia cosa sia il punk, per lui credo che già Orietta Berti faccia troppa ‘caciara’) viene sbattuto in una colonia penale ben poco rassicurante, evidente violazione della libertà di espressione, ma a Monti interessa mettere fine agli ‘abusi’ sulle intercettazioni, limitando, tra l’altro il diritto dei cittadini ad essere informati, e qui le due cose si saldano: sempre di limitazioni alla libertà di espressione e informazione, si tratti. Un Monti ‘sovietico’, dunque: e in fondo a guardarlo, il ruolo di dirigente del PCUS gli sarebbe calzato a pennello.

Annunci

5 responses to this post.

  1. 1. il problema democratico russo non è solo legato a Putin, ma risale a fattori di molto antecedenti: dal comunismo del PCUS allo zarismo… in qualche modo è anche culturale (vedi E. Todd).

    2. sinceramente non credo la preoccupazione di Monti sia quella di non irritare Putin, mi pare tra i minori dei suoi problemi: semplicemente, l`economia viene ben prima….

    Rispondi

    • @Redpoz: certo, probabilmente è tutto un portato del passato, ma adesso c’è Putin, quindi la questione riguarda soprattutto lui: non è che alla Russia l’ha ordinato il medico, di avere una democrazia alla ‘come je pare a chi comanda. Ovviamente, l’economia viene prima (le intercettazioni, non saprei); ovviamente nessuno lo obbliga a prendere la posizione (la Merkel, meno dipendente energeticamente dalla Russia può permettersi certe affermazioni); tuttavia, mi trovo avvilente un Paese la cui classe dirigente assume sempre atteggiamenti accomodanti, se non proni, nei confronti di certi ‘governi’ (mettiamoci pure l’Iran, verso il quale l’Italia ha preso le distanze solo quando realmente costretta dall’UE, non parliamo poi della Cina).

      Rispondi

  2. Vorrei ricordare che i russi hanno una visione molto negativa di noi occidentali, maturata quando ci divertivamo a spogliare la loro nazione, diroccata, di ogni risorsa. I cleptocrati corrotti che svolgevano il lavoro sono poi quelli che noi insistiamo a chiamare “oppositori” e “vittime”. Loro li chiamano “i mostri”, una definizione popolare ed abbastanza riassuntiva direi.

    Se vogliamo portare qualcosa dei nostri ideali anche a loro, dobbiamo smettere di finanziare sottobanco maneggi puzzolenti volti solamente a derubarli di un po di minerali. E dobbiamo anche uscire dalla trappola della propaganda, ancora viva e vegeta. Solo il detentore di un effettivo primato morale può permettersi di fare la morale a qualcuno. Vallo a spiegare agli esportatori di democrazia….

    Rispondi

  3. Posted by stefano on 22 agosto 2012 at 12:44

    uh… perchè napolitano ha detto qualcosa… ??? e bersani ???

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: