4-0

Un risultato che non ammette repliche e, per quello che si è visto ieri sera, del tutto giustificato; umiliante, certo: raramente un risultato di questa portata si è visto nella finale di un grande torneo (l’Italia si ricorda il 4-1 subito dal Brasile nel 1970, anche in quel caso dopo una semifinale vinta con la Germania, in tempi meno datati, lo stesso Brasile perse 3-0 la finale del Mondiale francese del 1998), ma purtroppo bisogna starci. Un pò ci avevo creduto: naturalmente, come tanti, sull’onda dell’entusiasmo per la vittoria contro la Germania, ma anche perché negli ultimi anni l’Italia è stata tra le poche squadre a dare del filo da torcere agli spagnoli. Invece adesso siamo qui, arrivati ieri alle 20.45 con la convinzione di poter dire la nostra, finiti alle 22.30 circa a pensare: “ma dove volevamo andare?”. Non eravamo fuoriclasse prima, non siamo brocchi adesso: semplicemente siamo una squadra che non è infarcita di campioni come la Spagna, che affianca a un manipolo di giocatori di ottimo livello (Buffon, Pirlo, De Rossi, in parte Balotelli, che però deve ancora crescere, e molto) una serie di buoni ‘gregari’: se però manca il fiato, e dopo un quarto d’ora arriva la ‘mazzata’ del gol spagnolo che ti priva pure dell’adrenalina necessaria ad arrivare laddove le gambe da sole non ti spingerebbero, allora c’è ben poco da fare.
Aggiungiamoci che Prandelli stavolta ha fatto qualche errore di troppo: la scelta di un Chiellini a mezzo servizio, che si è dovuto arrendere dopo venti minuti, costringendo già ad una sostituzione; l’ultima sostituzione fatta dopo pochi minuti del secondo tempo, col giocatore in questione, Motta, che si infortuna subito e lascia la squadra in dieci: segno di un evidente nervosismo da parte dell’allenatore, che ha provato rimedi un filo troppo estemporanei… Probabilmente con scelte più oculate il primo tempo lo si chiudeva sotto di un gol e il passivo finale sarebbe stato meno avvilente. Vabbè, è andata così.
L’importante, dato per scontato che Prandelli debba rimanere, perché cambiare dopo due anni sarebbe stupido e controproducente, è che si eviti di cadere nella depressione: in fondo ben pochi credevano in una Nazionale che è andata molto meglio di altre e che alla fine fatti i confronti sulle previsioni del pre-campionato, può essere tutto sommato soddisfatta; per contro, eviterei di assecondare certi toni trionfalistici, specie quelli del Presidente della FIGC Abete, sempre pronto a mettersi a favore di telecamera e a sottolineare quanto stia messo bene il calcio italiano, ovvero a evidenziare quant’è bravo lui, e infatti è anni che sta attaccato a quella poltrona come una cozza allo scoglio; o quelli altrettanto ‘buonisti’ di Monti (ma che c’è andato a fare? Era chiaro che da uno che del mondo del calcio recentemente ha detto peste e corna non potevano arrivare vibrazioni positive… meglio sarebbe stato Napolitano): la realtà è che abbiamo perso, di brutto, evitiamo di comportarci come se nulla fosse, e di parlare di ‘impresa’; ‘impresa’ sarebbe stata se avessimo vinto: ‘impresa’ invece non è stata, ma semplicemente una prestazione al di sopra delle aspettative che si è conclusa, purtroppo, con un crollo, sia fisico che psicologico. Accontentarsi? Manco per sogno: essere coscienti di quanto di buono è stato fatto e tenere presente gli errori commessi in finale per affrontare meglio il futuro, nell’attesa che il campionato e i vivai italiani producano almeno altri due – tre giocatori sopra la media.

Pubblicità

4 responses to this post.

  1. La debacle italiana 4 a 0 per la Spagna, in onda su Rai1 e in simultanea su RaiSport1 e Rai HD, ha totalizzato 22.470.000 ascoltatori con uno share dell’81,66%.
    Proprio quella popolarità che il ‘povero’ Monti tenta disperatamente di recuperare anche dopo aver tuonato contro il calcio e una sua sospensione di almeno due anni, due!
    Che tristezza! identificarsi così supinamente e fare assurgere al ruolo di eroi, salvatori della Patria, gente come Cassano e scavezzacolli come Balotelli in un mom in cui anche il calcio, e da anni, non è esente da grossi problemi giudiziari. Mi vergogno.
    Ah i mondiali dell’82 e Sandro Pertini!

    sheramagarisipotessetornareaivecchibeitempiandati

    Rispondi

  2. Ciao!
    Concordo con il tuo post grosso modo…..
    io sono comunque incazzato perchè essendo interista un certo tipo di cagate ne sono a conoscenza. Mi spiego.
    Come si fa a far giocare un Chiellini mezzo infortunato?
    Motta siamo sicuri che anche lui non fosse a posto?
    Cassano aveva un problema al ginocchio…..
    a quel punto corri ai ripari: fai un gioco chiuso in difesa e gioca in contropiede.
    Fai giocare giocatori freschi (che cavolo ne so un Giovinco o altri non li conosco tutti i giocatori)! Cioè meglio perdere 50-0 con giocatori freschi magari inesperti però almeno sono freschi!
    Io questi errori da ABC, da parte di allenatori preparati come Prandelli, non li capisco!!!!!! E mi fanno incazzare perchè ho accumulato anni d’incavolamenti vari da parte di errori simili all’Inter……..bah!
    Comunque Donato ha vinto la medaglia d’oro nel Salto triplo agli Europei di Atletica che ho saputo che c’erano solo nel penultimo giorno…….e Meucci d’argento nei 10000 m.
    Buona serata!

    Rispondi

  3. Erano troppo più forti, niente da dire. Onore e merito ad una nazionale cui nessuno avrebbe dato dieci lire, e che invece ci ha fatto sognare sino alla fine, regalandoci una delle partite più belle degli ultimi anni, e cioè quella con la Germania.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: