THE DOORMEN

Esordio sulla lunga distanza (dopo un precedente Ep) per questo quartetto ravennate, decisamente incanalato nel solco del revival new wave / post punk degli ultimi anni.

Nei dodici pezzi che compongono l’omonimo lavoro, i Doormen (con l’immancabile ‘The’ davanti), mettono in mostra suoni che non si può fare a meno di definire come ‘derivativi’, guardando certo ai rappresentanti più conosciuti del genere (quasi ozioso citare gli Editors), ma insaporendo qua e là la loro pietanza musicale con qualche spezia aggiuntiva: prevedibili rimandi agli originari anni ’80, qualche accenno al brit pop /rock dei ’90, magari quello meno sfacciatamente commerciale (leggi: Suede) fino a qualche spezia grunge.

Ne risulta un disco in cui un’elettricità sferzante che si affianca alla tipica vocalità di stampo ‘crepuscolare’, costruito su pezzi che danno al lavoro un buon ritmo, con qualche episodio decisamente accattivante e qualche parentesi meno riuscita (soprattutto in un paio di episodi in cui la band si lascia andare a ‘code’ strumentali che finscono per appesantire un pò troppo i brani in questione).

Derivativi certo, ma provando – pur se non sempre riuscendovi – a perseguire una propria autonomia stilistica: tentativo apprezzabile, che lascia qualche curiosità per l’eventuale seguito.

IN COLLABORAZIONE CON LOSINGTODAY

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: