CARNAGE

Due coppie di coniugi si incontrano per risolvere in modo ‘civile’ un banale episodio di vita quotidiana: il figlio degli uni ha picchiato quello degli altri, rompendogli un paio di denti. I genitori della ‘vittima’ sono due rappresentanti della media – borghesia: un’aspirante scrittrice dalle idee ‘liberal’, impegnata in iniziative di solidarietà verso il terzo mondo e il proprietario di un negozio di casalinghi; i genitori del ‘carnefice’ sono due professionisti: un impegnatissimo avvocato, perennemente al cellulare, impegnato al momento nella difesa di una multinazionale del farmaco e una consulente finanziaria.
La discussione si sviluppa inizialmente in modo ‘civile’, appunto, ma non passa molto tempo prima che vengano alla luce le prime crepe, nei modi di pensare, di guardare e ‘giudicare’ l’altro e via via ecco che l’apparenza e le convenzioni lasciano spazio all’essenza vera delle persone: l’iniziale scontro tra coppie si complica e muta in continuazione, si creano schieramenti ‘di genere’ (uomini contro donne), o le coppie finiscono per incrociarsi: il conflitto degenera in una serie di micro-dispute, vengono anna luce malumori a lungo tempo sopiti e conflitti latenti, in una progressiva disgregazione, tra fiotti di vomito e abbondanti dosi di alcohol che finiscono per far cadere qualunque freno inibitore.
Più che un film, un pezzo di teatro, girato interamente all’interno di una stanza: una ‘gabbia’ dalla quale i personaggi non possono uscire, venendo a patti con loro stessi e allo stesso tempo una ‘gabbia’ che costringe i quattro protagonisti a dare fondo alla propria capacità recitativa: non ci sono trucchi, non ci sono vie d’uscita.
“Carnage” film che dunque è solo ed esclusivamente affidato alle doti attoriali degli attori e ciò che più lo rende un film riuscito è probabilmente il mix dei quattro, tutti presi in diversi momenti della loro carriera: Kate Winslet è un’attrice ormai affermata che si sta avviando verso traguardi sempre più alti; Christoph Waltz dopo tanta gavetta si avvia ad affermarsi; Jodie Foster è un’attrice navigata che forse aveva bisogno di un ruolo ‘importante’ per rilanciarsi e infine John C. Reilly, per certi versi il più sorprendente, è attore con un’ormai lunga carriera alle spalle, spesso con ruoli da comprimario, che qui trova finalmente la ‘grande occasione’: il mix, efficacissimo è esplosivo, per un film (tratto dal romanzo “Il dio della carneficina di Yasmina Reza, che partecipa anche alla sceneggiatura) che è trai miglori, se non il migliore, visto quest’anno.
Avevo qualche dubbio, andando a vedere quest’ultimo lavoro di Polanski: l’arte non può essere mai completamente disgiunta dalla vita privata, e il giudizio sulle vicende del regista non può essere che lapidario e questo dispiace un pò: non avesse commesso ciò che ha commesso, di Polanski si potrebbe dire un gran bene senza troppe remore.

8 responses to this post.

  1. Mumble mumble… ero un po’ restio se metterlo o meno nella lista dei film da vedere, perché secondo me Polanski ultimamente si stava un po’ avvitando su se stesso, ma la tua recensioni fa pendere la bilancia dalla parte del sì… 😉

    Rispondi

  2. Il film mi è piaciuto molto come del resto i film di polansky (il mio luna di fiele da lì trae origine – e poi anche da tutto un mio retropensiero -).
    Della sua lontanissima vicenda giudiziaria così per come è stata riportata a galla mi fido assai poco. Nel processo americano, benchè condannato, permasero molti dubbi: 1. che la ragazzina fosse consenziente e che cmq x certo la famiglia avesse accettato un indenizzo.
    Di qulcuno che va con minorenni e fino ad ora l’ha fatta franca siamo esperti…
    ciaociaosheraciao

    Rispondi

  3. Ordunque neppure un po’ di ansia di sperimentare questa piatta-forma magari scrivendo un postino 🙂

    Rispondi

  4. Il sito dal quale l’amico in questione scarica (regolarmente) film recentissimi è
    questo: mIRC, pare sia un programma inizialmente un po’ difficile ma un giorno di questi verrà a installarmelo 🙂
    sheràlaprochaine

    Rispondi

  5. …alcuni siti nn sono fuorilegge. diciamo che a me cmq piace la sala cinematografica, la condivisione nel buio dei sentimenti.
    Ma è anche bello rivederli di tanto in tanto.
    sheraciaociao

    Rispondi

  6. Passo nn l’ho visto…
    intanto ti lascio un saluto, : )

    Rispondi

  7. ciao, sono il Passatorcortese di Splinder!

    Mi trovi quà:

    http://www.passatorecortese.iobloggo.com, intanto ti ho linkato! Ciao

    Flo’

    Rispondi

  8. Bè, insomma caro Crimson… così banale l’episodio di vita non è. Anche perchè sempre più spesso alla base di un certo tipo di comportamento o atteggiamento c’è qualcosa di più profondo, come ad esempio la mancanza di determinati valori che una famiglia “assente” non riesce a trasmettere alla prole.
    Comunque penso di andarlo a vedere.

    saluti

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: